sabato 29 giugno 2013

"ESCLUSA"!!


E' stato assai significativo il "processo" svoltosi ieri a carico di Caterina Marini! Ancor di più il suo esito finale! Il Partito Democratico pratese ha "giudicato", escludendola alla fine dalla vita di partito, una giovane signora, dirigente di quello stesso partito, che da ben due anni non era però più iscritta a quel medesimo partito!! Una bizzarria bell'è buona!!
Il PD pratese ha dimostrato, comunque,  tutta la sua modernità! E' infatti di stupefacente importanza che quel partito abbia affidato posizioni di rilevanza addirittura esterna ad una NON iscritta!! E' bello pensare che quello che una volta era il gran partito comunista del centralismo democratico, delle sezioni e delle tessere rinnovate anche in anticipo, adesso, 2013, affidi compiti di dirigenza anche a militanti che "dimenticano" di rinnovare la propria adesione al partito!! Sarà perchè ormai il PD è avviato a diventare un  partito "liquido" ovvero "liquefatto"?? E dunque si può permettere di selezionare la propria classe dirigente anche al di fuori dei suoi iscritti? Tuttavia, al tempo stesso,  è assai singolare che nel medesimo partito convivano posizioni diametralmente opposte. Ci sono coloro che non avvertono la stranezza di affidare posizioni di dirigenza a NON iscritti al partito e coloro che si oppongono, con estrema forza di volontà politica, a che alle primarie dello stesso partito NON debbano votare i non iscritti a quel  partito!!
Proprio un bel partito moderno questo PD pratese!! Continuando di questo passo, bizzarria dopo bizzarria, arriverà alla forma di NON partito all'americana!! Che è uno storico obbiettivo indicato dai Radicali Italiani. I partiti americani non sono formati, come gli italiani-ad eccezione dei Radicali- da una classe di burocrati in carriera (pagati dai militanti, in piccolissima parte, ma per la maggior parte dall'odioso finanziamento pubblico), bensì poco più che comitati elettorali, con strutture biodegradabili e reversibili, composti da associazioni, gruppi d'interesse, volontari ecc. ecc.. Che si irrobustiscono in occasione delle grandi occasioni elettorali (il presidente, Camera e Senato, Stati e governatori..) e poi si dissolvono per il resto delle legislature!! Impedendo, di fatto, che quegli organismi diventino preda succulenta di chi sceglie di fare della politica una vera e propria professione vita natural durante!!
Con tutto il seguito delle brutture, storture e corruzioni che noi in Italia abbiamo potuto "ammirare" da 60 anni a questa parte!

METROPOLI ED EX OSPEDALE


nella foto:  rendering del Parco delle Mura Urbane dell'Arch. Mattei



nelle due foto: ultima ipotesi progettuale di ristrutturazione di alcuni edifici ex ospedalieri dell'arch. M. Mattei

nella foto: progetto Balestri-Barili (tesi di laurea-relatore Prof. Valerio Barberis)

Organizzata dal settimanale "Metropoli" si è tenuta ieri pomeriggio nella sede del giornale a Prato City una Tavola Rotonda sulla questione della destinazione da dare all'ex area ospedaliera inframuraria.
Coordinati dalla direttrice di "Metropoli" Debora Pellegrinotti sono intervenuti, invitati dalla redazione, Marco Mattei, architetto progettista; Mario Bencivenni, storico dell'arte e collaboratore di Mattei; Franco Aspite del coordinamento dei Comitati cittadini; Maria Rita Cecchini, presidente di Legambiente Prato; Filippo Lombardi, infermiere, Comitato Provinciale Area Pratese (Cpap); Fabio Nesti, coordinatore del gruppo giovani del Cpap; Roberto Risaliti, presidente del Cpap; Vittorio Giugni, segretario dell'associazione radicale Liber@MentePrato; Fulvio Silvestrini, animatore culturale e militante ecoambientalista (capitato per caso ma ospite gradito)!!
Marco Mattei (insieme a Mario Bencivenni..) ha illustrato due suoi specifici progetti! Il primo, redatto nel 2008 su incarico dell'amministrazione Romagnoli e presentato nel  2009 all'amministrazione Cenni, concerneva uno studio relativo a tutto l'assetto complessivo del Centro Storico e che, in particolare per l'area ex ospedaliera prevedeva, con la ristrutturazione di alcuni edifici del nosocomio che sta per essere abbandonato, una destinazione universitaria!! Il secondo, redatto su incarico del Consiglio di Circoscrizione Prato Centro ed in dialogo con i Comitati cittadini, presentato pochi mesi fa, prevede una ristrutturazione di parte dell'ospedale "nuovo", in via d'abbandono, con destinazione universitaria, sanitaria, scientifica e di ricerca e residenziale. Progetto che parte anche da considerazioni, formulate da diversi soggetti, su una presunta insufficienza del nuovo ospedale di Galciana a far fronte alle future esigenze della sanità a Prato con dunque la necessità di prevedere, sul territorio, la permanenza di altre strutture sanitarie e di degenza!
Franco Aspite ha sottolineato l'incongruenza della pretesa della Regione di far ripagare ai cittadini pratesi l'area ex ospedaliera, che per effetto di svariate normative è passata in proprietà alla ASL, sottolineando la convergenza del cooordinamento dei Comitati cittadini con la proposta dell'arch. Mattei, anche per via del percorso partecipativo offerto da quella progettazione. Partecipazione dei cittadini completamente assente viceversa nel percorso, tutto interno a Comune e Regione, della proposta di Enrico Rossi di riedificare l'area con circa 200 appartamenti, negozi, uffici!!
Maria Rita Cecchini. dopo aver sottolineato come la Legge-matrice (1988) che permette la realizzazione di nuovi ospedali preveda la destinazione ad esclusivo uso pubblico di quelli dismessi, ha ribadito la posizione di Legambiente (e delle altre associazioni ambientaliste cittadine, WWF e Italia Nostra..) favorevole alla realizzazione sull'area ex ospedaliera di un grande parco urbano. Anche come presidio sanitario preventivo contro le malattie dell'urbanizzazione!!
I rappresentanti del Cpap hanno concentrato la loro attenzione sulla, a loro giudizio, estrema insufficienza, rispetto alle esigenze attuali e future del territorio,del nuovo ospedale di Galciana e favorevoli, pertanto, alla permanenza di alcune porzioni del "vecchio" nosocomio Misericordia e Dolce come utili riserve di posti letto, laboratori, pronto soccorso sanitario per il Centro Storico e per tutta la città!
Vittorio Giugni si è dichiarato favorevole alla completa rottamazione degli edifici "moderni" del M.e D. ed alla realizzazione di un grande Parco Urbano attrezzato delle Mura medievali. Suggerendo, ove Rossi e Cenni davvero volessero "far cassa" con quell'area, di prendere in considerazione tutto il compound al di là dell'ingresso dell'ospedale e delle mura! Piazza Macelli, Via Genova, Via Monnet ed i tre grandi parcheggi sovradimensionati. Sottolineando che questa operazione, anche economica, può essere un buon viatico per la progressiva riscoperta delle Mura medievali della città, liberate dalle superfetazioni che le sviliscono, fino ad un loro completo recupero quale segno distintivo e di forte identità di Prato! Anche dal punto di vista dell'assetto sociale del Centro Storico Giugni si è detto d'accordo con la realizzazione (fuori dalle mura) e con compensazioni per la città di residenze di qualità  (torri verticali..) che possano attrarre verso il Centro Storico 600/800 persone con buona capacità di spesa in grado di riequilibrare la composizione antroposociale del Centro e ridare slancio al commercio di vicinato!!
Silvestrini ha posto l'accento sulla necessità che tutta l'area rimanga a disposizione dei cittadini come presidio per una "mens sana in corpore sano" anche come luogo privilegiato della cultura, della musica, della creatività cittadina!!  
Naturalmente il prossimo numero di Metropoli, in edicola venerdì prossimo, conterrà un più ampio e dettagliato report delle posizioni espresse nella Tavola Rotonda!!    

DOGAIA


Ieri mattina su iniziativa dell'Associazione Radicale Liber@MentePrato una delegazione composta dal sen. Riccardo Mazzoni (PDL), dall'on.MatteoBiffoni (PD), che ringraziamo sentitamente, e da Olinto Dini, presidente toscano della LIDU (Lega Internazionale dei Diritti dell'Uomo), da Maila Ermini, del Teatro La Baracca di Casale, da Massimo Taiti e Vittorio Giugni, presidente e segretario dell'Associazione, si è recata per una visita ispettiva presso il Carcere della Dogaia. Il Direttore Tedeschi ed il comandante della Guardie Pilumeli hanno riferito ai parlamentari lo stato dell'Istituto di Pena. Che ospita ad oggi circa 720 detenuti contro una capienza regolamentare prevista di poco più di 400 reclusi!! Molte celle, in effetti, invece di ospitare 1 o 2 detenuti ne ospitano quattro!! Rispetto all'ultima visita alla casa di reclusione sono giunte 80 nuove guardie che hanno portato ad un aumento complessivo dell'organico di circa 40 agenti! Sono sempre pochissimi invece, 4 per oltre 700 detenuti, gli operatori-mediatori culturali!! Buono è stato giudicato dai dirigenti della struttura l'apporto contributivo in risorse e progetti della Provincia di Prato. Che ha, ad esempio, consentito un ottimo allestimento dei giardini d'accoglienza esterni alla parte di reclusione dell'edificio. Buono anche l'attuale progetto che prevede, a rotazione, la migliore sistemazione delle cellle dal punto di vista abitativo (lavori di restauro delle strutture e nuove tinteggiature)!! Aumentata anche la quota dei detenuti-lavoranti, seppure sempre estremamente insufficiente rispetto al bisogno!! Dei 720 detenuti oltre la metà sono extracomunitari o comunque stranieri! Ancora elevata la percentuale di detenuti in attesa di giudizio definitivo (oltre la metà) e, pertanto, tecnicamente innocenti!!

Associazione Radicale Liber@MentePrato
Vittorio Giugni

ELETTORALE

Per un sistema elettorale che restituisce agli elettori la scelta degli eletti in Parlamento

Fondazione Luigi Einaudi-Roma

VARIANTE


venerdì 28 giugno 2013

CATERINA E...GLI ALTRI...


Oggi i "probiviri" del PD decideranno se espellere o meno dal Partito la consigliera circoscrizionale ed ex portavoce della segretaria provinciale, Caterina Marini. Che è colpevole, rea confessa, di aver scritto sulla sua pagina FB parole "deliranti" contro gli extracomunitari in un momento di particolare sconforto e immediatamente cancellate con scuse e rammarico!!
Il Comitato dei "probiviri" è presieduto da Mario Bensi, ex consigliere comunale ed anima del Circolo Arci di Coiano! Sicuramente uomo buono e giusto!! Il quale, al pari della segretaria Ilaria Bugetti, si è già, però,  pubblicamente espresso per l'espulsione della Marini. Anche molti altri militanti del PD stanno "premendo" perchè la Marini venga espulsa!! Interpellato su questo modo d'agire del PD e dei "probiviri" l'Avv. Massimo Taiti ha sostenuto che se invece del PD si trattasse della bocciofila di Borgonuovo, ci sarebbero tutti gli estremi per impugnare l'eventuale provvedimento d'espulsione al TAR Toscana!! Ma i partiti, si sa, contrariamente alle previsioni della Carta Costituzionale, non hanno personalità giuridica!! E, dunque, possono comportarsi al loro interno come meglio ritengono! Ai "malcapitati" oggetto di sanzioni restano da tentare solo le vie della "giustizia interna" al partito!! L'avvocato sostiene, inoltre, che considerate le ingenue dichiarazioni "spontanee" del presidente Bensi sul caso ci sarebbero tutte le condizioni per chiedere la "ricusazione" della Corte giudicante!!
Per quanto ci riguarda, noi, com'è noto, siamo del tutto contrari alle espulsioni!! Dovunque e da chiunque messe in atto! Nel caso specifico poi sembra assai palese che per Caterina Marini il PD sia diventato ormai una comunità politica per lei non più frequentabile!! Siamo strasicuri che ove non espulsa la ragazza non proverebbe nemmeno a rinnovare la tessera per l'anno prossimo (dato per sicuro, ma non lo è affatto, che abbia già in borsetta quella del 2013..)!!
Ci permettiamo, allora, di dare un consiglio ai componenti "garantisti" dei collegio dei probiviri (o comunque si chiami...). Utilizzino, nel caso che sarà in esame oggi, l'arma della prudenza, della tolleranza e della cautela nel formulare il loro parere!! Una sospensione di sei mesi dall'attività del partito può essere la "pena" giusta per l'erranda Caterina. A dimostrazione che ormai il PD è diventato un partito assai diverso dal PCI togliattiano e filosovietico! Un partito moderno che si ispira, più che al centralismo democratico, ai valori della libertà e della democrazia! Ma pronto, come in questo caso, a sanzionare chi, come Caterina Marini, pur con tutte le attenuanti che merita riconoscerle, ha compiuto atti non contro i principi fondanti del Partito Democratico ma contro, tout court, i principi della civiltà umana!! Anche a Caterina vorremmo dare un consiglio: si dimetta immediatamente dalla carica di consigliere circoscrizionale! Non sarà un grande sacrificio ed avrà dimostrato correttezza politica nei confronti del suo ex Partito e dei suoi stessi elettori!!
Infine, ma non in ultimo, confidiamo che il collegio giudicante tenga nel dovuto conto anche le parole dell'amico Celso Bargellini!! Che da anni è impegnato, anche in organismi interni all'amministrazione comunale, a contrastare il nascere ed il propagarsi di qualsiasi forma di razzismo!! Se anche Bargellini spezza una lancia in favore di Caterina perchè non fargli fiducia???
.

EMMA BONINO AGLI ITALIANI ALL'ESTERO

Intervento di saluto del Ministro Emma Bonino all'Assemblea del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (CGIE)


NUVOLATO


giovedì 27 giugno 2013

TRASPARENZA

A un anno dalla prima iniziativa per l'adozione di un Freedom of Information Act (FOIA) italiano e a un mese dall'entrata in vigore del nuovo decreto Trasparenza (n.33/2013), voluto dall'ex ministro della Pubblica amministrazione Patroni Griffi, qual è il grado di accessibilità da parte dei cittadini di quell'immenso patrimonio di informazioni in mano alle pubbliche amministrazioni? E' stato raggiunto l'obiettivo di adeguare la nostra legislazione in materia di open government a quella degli altri stati europei? Di Emilia Audino

INPS


----Messaggio originale----
Da: INPSRisponde@inps.it
Data: 27-giu-2013 10.40
A:
Ogg: INPSRisponde a GIUGNI VITTORIO per la richiesta del  20/06/2013 6.48.17 con numero di protocollo INPS.CCBFF.20/06/2013.2144957

Gentile utente,
con riferimento alla Sua richiesta con numero di protocollo
INPS.CCBFF.20/06/2013.2144957 del 20/06/2013 6.48.17 , Le comunichiamo quanto segue:

OK

La ringraziamo per aver utilizzato il servizio INPSRisponde, non esiti a contattarci per ulteriori richieste.

Testo della Richiesta 

CON LA PRATICA FASCICOLO N. 200300298665TF¸ PRATICA N. 002201200024373 LA GESTIONE X INPDAP MI RICHIESE INDIETRO PARTE DEL TFR. NEL MARZO 2012 PAGAI QUANTO MI FU CHIESTO. E DA ALLORA SONO IN ATTESA DI UN BONIFICO DI EURO XXXXXX  PER IL MATURATO CREDITO D`IMPOSTA. GRADIREI SAPERE A CHE PUNTO È ADESSO LA PRATICA DI PAGAMENTO. GRAZIE. VITTORIO GIUGNI


E-mail generata automaticamente dal sistema, non utilizzare questo indirizzo per rispondere,
i messaggi pervenuti a tale indirizzo non vengono letti.

Sono rimasto francamente allibito nel leggere questa mail!! Inpsrisponde c'ha messo poco a darmi la sua "risposta"!! Ma il laconico "OK" che è tutto quanto mi è stato comunicato è per me incomprensibile! Che significato attribuirgli? Che la pratica è stata rintracciata? Che il pagamento (ma a me non risulta..) è stato effettuato? Che starà per essermi inviato il bonifico? Boh!! Ma può un ente pubblico mettere in piedi un servizio di risposte automatiche che genera questo tipo di missive elettroniche?? E' vero che con la Pubblica Amministrazione italiana siamo abituati a tutto! Ma questa risposta non è un pò troppo??? E adesso che faccio?? Inps mi dice di NON esitare a riscrivere! Invece esito eccome!! Non vorrei m'arrivasse come nuova risposta uno stringatissimo; ma vaffa....!!! Vittorio Giugni  


2014


Direte che è presto! Forse! Ma tuttavia è l'ora di cominciare a parlarne! Dopo le ferie estive, comunque, si entrerà nel vivo. Il congresso nazionale del PD sarà alle porte e quelli provinciali in svolgimento di lì a pochi giorni. Si stiamo parlando proprio delle elezioni amministrative del 2014!!
Checchè ne pensiate molti movimenti sono già individuabili. Magari sotterreanei.Ma ci sono!! Ed anche con qualche possibile e non indiffferente novità!!
Per fare il punto della situazione conviene rifarsi alle ormai lontanissime elezioni del 2009!! Allora al nastro di partenza si presentarono la bellezza di 9 candidati sindaci sostenuti da ben 21 liste!!
Ricordiamoli quegli schieramenti:

Roberto Cenni fu sostenuto da: PDL, LEGA NORD, UDC, La Destra, Giovani Pratesi, Socialisti Riformisti, Taiti per Prato, Prato Civica;

Massimo Carlesi da: PD, Sinistra e Libertà (con PSI), IDV, Comunisti Italiani, MRE, Pli/Insieme per Prato;

Paolo Paoletti da: Rifondazione Comunista (al ballottaggio appoggiò Carlesi);

Maila Ermini da: Per il Bene Comune;

Alessandro Rubino da: Libertà, Legalità e Novità (al ballottaggio appoggiò Cenni);

Fausto Barosco da: M5S;

Francesco Mazzeo da: Socialisti e Libertà (al ballottaggio appoggiò Cenni);

Aldo Milone da: Prato Libera e Sicura(al ballottaggio appoggiò Cenni);

Renzo Bellandi da: Sinistra RossoVerde (al ballottaggio appoggiò Carlesi).

Di tutte le venti liste presenti nel 2009 hanno già annunciato la loro nuova ripresentazione solamente PD, PDL, UDC, IDV, Taiti per Prato, M5S, Rifondazione Comunista, PSI, Socialisti Riformisti. Nel frattempo sono nate diverse altre formazioni: dalla costola PDL, la finiana Futuro e Libertà e Fratelli d'Italia; dalla sinistra la vendoliana SEL, poi FARE per Fermare il declino!! Dovrebbero essere invece defunte, o comunque se ne sono perse le tracce, le seguenti liste civiche e partiti: Giovani Pratesi; Libertà Legalità Novità; Sinistra RossoVerde; Socialisti e Libertà; Per il Bene Comune, MRE e PLI/Insieme per Prato!!
Le due liste che componevano la lista unitaria Prato Civica (La Città per Noi e Giovani e Famiglia), essendo ancora singolarmente attive, dovrebbero essere della partita nel 2014!!
Difficile, invece, la presenza della formazione finiana Futuro e Libertà. Che pur avendo ricevuto alcune adesioni eccellenti in città pare definitivamente scomparsa dopo il tragico, per loro, risultato elettorale di febbraio! Sarà alla partenza, invece, Fratelli d'Italia!!
Nel frattempo. sull'estrema destra dello schieramento politico, s'intravede la possibilità di una riunificazione delle varie anime finora sparse della destra sociale e movimentista(chi nel PDL, chi nella Destra, Casa Pound, Forza Nuova ecc. ecc.!!)
Anche a sinistra si nota un discreto lavorio. Nel PD ci sono Presidenti di Circoscrizione, consiglieri comunali e di quartiere intenti a dar vita da una lista civica d'appoggio al candidato del PD. Sarà una lista " a rete". Alla sua concreta realizzazione lavorano personaggi politici che non possono essere ripresentati dal PD poichè già con due o più sindacature e giovani emergenti provenienti dai disciolti Consigli di Circoscrizione!! Più qualche signore o signora delle "preferenze"!! O almeno così autonominatisi!!
Le novità saranno dunque molte!! A cominciare, dicevamo, dalla mancanza della "valvola di sfogo" delle Circoscrizioni!! I personaggi in carriera che non avessero potuto ambire ad una carica nel governo cittadino solitamente venivano spediti in una delle cinque Circoscrizioni. Chi a fare il Presidente e chi il capogruppo!! Mancherà pure, nel 2014, l'elezione dei consiglieri provinciali giacchè seppur l'ente intermedio sopravviverà alle azioni del Governo Letta non potrà sfuggire alla scure della spending review montiana. Che ha già decretato la scomparsa dei consigli provinciali sostituendoli con componenti di nomina dei consigli comunali appartenenti alla Provincia!!
Tutte novità che accresceranno, all'interno dei partiti, la lotta per una candidatura al Consiglio Comunale e, successivamente, la lotta per entrare nel governo o nel sottogoverno cittadino! Ne vedremo sicuramente delle belle!!    
Riassumendo, dunque, le prossime elezioni per il Sindaco ed il Consiglio comunale di Prato vedranno ai nastri di partenza una coalizione di sinistra (PD, SEL, IDV, altre liste, anche civiche,...); una coalizione di destra (PDL, UDC, Lega-quel cincino che ne resta-, Giovani e Famiglia, Socialisti Riformisti, altre liste civiche..); M5S; altre liste civiche .....Tutti uniti, fin d'ora, dalla ricerca del candidato sindaco in grado di fare la differenza!! Nel frattempo giungono dalla politica pratese le prime timidissime indicazioni. Ad una riunione dell'altra sera SEL ha dichiarato di confidare in un sindaco alla "Pisapia": La segretaria del PD, Ilaria Bugetti, s'è scansata dall'eventuale candidatura e s'è detta a favore di una riedizione pratese dell'Ulivo!! Ma, come dicevamo, sono solo timidi inizi od indizi, semplici pour parler...!! Con quasi un anno di tempo-politico davanti che può davvero sbaraccare ogni scenario immaginato adesso!!

DONNE



Giovedì, 27 giugno 2013. Uno stato, più o meno democratico, talvolta è travolto dalla violenza o dal tradimento di qualche sua parte fondamentale, fu così per il fascismo, aiutato e favorito dalla monarchia, che annullò uno stato liberale ben lontano dall’essere vicino alle esigenze delle grandi masse popolari, fu così nel Cile nel 1973, quando il tradimento di parte dell’esercito e del generale Pinochet travolsero Salvatore Allende, idem percorso violento ed assassino in tanti paesi del Sud America e dell’Africa. Ma oggi, in Italia, avanza un pericolo cento volte maggiore di una dittatura militare, una falange di fanatismo che schiavizza le donne e le rende simili ad oggetti dei quali il maschio padrone, marito, fratello, imam, decide ogni sorte! Nei nostri quartieri aumenta spaventosamente il numero di donne giovani e meno giovani intabarrate in veli islamici, coperture totali del corpo e perfino vergognosi burqa senza che i nostri vigili urbani facciano rispettare la legge per la quale nessuno può camminare nascondendo il suo volto o camuffandosi anche se è un feroce terrorista! Ecco io ora so per chi si debba votare, unicamente e soltanto per chi difenda senza se e senza ma la donna, contro tutti i razzismi, contro ogni talebano o feroce omofobia e sessuorepressione! Agli attivisti di ogni forza politica ricordo di non portarmi materiale elettorale che non mi garantisca che il mio voto serva alla liberazione totale della donna, anche se questo imponga di chiarire come si debba agire con i seguaci di Maometto e di Allah, e senza eccezioni per altri fanatismi religiosi similari che tagliano la clitoride alle bambine perché non possano godere una volta adulte. Lucrezio, poeta che non temesti di ridicolizzare Marte, la guerra e il feroce Agamennone che assassinò la figlia Ifigenia per brama di potere, Lucrezio ritorna, lo so che non sei mai morto se perfino una persona’ come me, che s’avvia alla tomba, si indigna contro tutti i nemici delle donne!

L'UOMO RAGNO

 

Lo giuriamo!! Come il Canio del Leoncavallo (Ruggero) ci siamo sforzati nella lettura della risposta che Daniele Gostini (http://listagiovaniefamiglia.wordpress.com/2013/06/26/lasino-e-il-leoncavallo/) ha inteso dare al nostro  (http://liberamenteprato.blogspot.it/2013/06/firenze-prato-e-larea-metropolitana.html). Siamo giunti ad unica conclusione: l'asino e l'implicito "pagliaccio" del titolo sono rivolti a noi!! Se una cosa abbiamo imparato dalla militanza nel Partito Radicale è l'esercizio dell'arte della tolleranza! Nel caso specifico, tuttavia, non ce n'è stato bisogno! Essere appellati "asino" non lo consideriamo nè un insulto nè un'offesa!! Anzi! Il mite animale che ha fatto la storia insieme all'uomo ci è sempre immensamente piaciuto! La sua mansuetudine e la sua forza, unita a qualche marcata testardaggine, c'ha sempre fatto estrema simpatia! Pure sul "pagliaccio" non abbiamo riserve! Lo sappiamo che a scrivere può capitare d'imbattersi in lettori che non gradendo credono di cavarsela con un aggettivo, un insulto, una contumelia, che, tuttavia, qualifica più chi lo usa che chi lo subisce! C'ha  fatto simpatia leggere e rileggere la risposta di Daniele! Che è un vero e proprio esercizio di arrampicata sugli specchi! Da vero uomo-ragno della tastiera Gostini, dopo aver condito la sua faticosissima produzione con un'altra serie di raffiche non proprio cortesi nei nostri confronti, riesce nell'impresa di non rispondere a niente di quanto avevamo postato! Pur condendo di qualche nuovo abbaglio il suo scritto (San Donnino? Rossi e le elezioni del 2011?), Daniele Gostini si tiene alla larga dal cuore del nostro ragionamento!! Dunque, anche a favore degli amici che se ne sono compiaciuti, riproponiamo, testardamente (proprio come l'asinello in parola..) le questioni che ci interessavano discutere e dalle quali Gostini si è accuratamente tenuto lontano preferendo posare i suoi pelosi polpastrelli sul vetro dei nominalismi:

1) Perchè, se la proposta di legge nazionale che si proponeva l'accorpamento di talune province era, come sostengono Gostini e l'ala "autonomista" cittadina, così favorevole a Firenze, il sindaco Renzi e la sua Giunta vi si sono duramente opposti (al pari di sindaco e Giunta di Prato)??

2) E' vero o non è vero che nel nuovo ente che avrebbe ricompreso le province di Firenze, Prato e Pistoia, i fiorentini avrebbero avuto solo due membri sul totale di 12 che ne costituivano il governo??

3) E' vero o non è vero che Prato conferirà al nuovo costruendo inceneritore di Case Passerini (nonostante l'opposizione di Sesto i lavori son già partiti..sveglia Gostini...) i suoi rifiuti da smaltire secondo gli accordi che sono intercorsi nell'ATO rifiuti di competenza?;

4) E' vero o non è vero che dal punto di vista dell'inquinamento ambientale è assai più pericoloso un inceneritore attivo che il sorvolo di alcuni aerei??

5) E' vero o non è vero che la pretesa "autonomia" pratese s'infrange sempre, anche in mancanza del nuovo ente di area vasta, in due "enti sovraordinati" come risultano  essere la Provincia di Prato (fermamente difesa dagli "autonomisti" alla Gostini...) e la Regione Toscana? Emblematico, e felice, almeno dal nostro punto di vista, il caso dei 700 ettari di territorio pratese "congelati" a terreno agricolo nonostante le previsioni cementificatorie del Piano Strutturale pratese??

Se Daniele "spiderman" Gostini o qualcuno dei suoi compiacenti amici e famigliari volessero rispondere, noi "asini" e "pagliacci", ne saremmo oltremodo onorati!!  

VARIABILE (BIS)


mercoledì 26 giugno 2013

TWEETTERS



Mi piacerebbe se la lite sui processi di Berlusconi si trasformasse in una battaglia politica aperta sui referendum dei radicali

lo banni tu o lo banno io questo infame antisemita?

. Marina e' l'ipotesi più logica nella logica del berlusconismo

Fazioso e' chi non e' della mia fazione


Emilio Fede mi consiglia della chirurgia estetica per inseguire il suo idealtipo Berlusconi: che tipo, crede nell'onnipotenza della plastica

Intervista al deputato del Movimento 5 Stelle Aris Prodani, che spiega le ragioni del "dissenso" nel M5S

Imu rinviata. F35 rinviati. Aumento Iva rinviato. Berlusconi rinviato (a giudizio).

Forse Cencelli è riuscito a fare la giunta Marino


D'Alema: "Berlusconi doveva farsi da parte da tempo". Ma avendo avuto per 20 anni D'Alema come avversario, giustamente non lo ha mai fatto.

Santanché: «Ieri mi sono vergognata di essere italiana». E' fortunata, Onorevole: a noi, guardandovi, capita da 20 anni

Puppato e Floris, che pena


In California, nel 1948, i pompini erano considerati delle vere e proprie "perversioni orali" chi li praticava poteva rischiare il carcere

L'ultimo americano accusato di aver sodomizzato un animale fu arrestato nel 1785

ASM


«Purtroppo si preferisce esternalizzare, aumentando i costi di gestione. Dobbiamo inoltre considerare l'uso quasi strumentale da parte dell'Amministrazione delle normative che bloccano le assunzioni, evidentemente sono state scoperte solo oggi, visto che da quando è iniziato questo progetto industriale sulla raccolta differenziata sono state assunte alcune decine di lavoratori, in diverse mansioni, sicuramente insufficienti, ma in alcune posizione neppure necessari.Nonostante la propaganda degli amministratori e gli ingenti investimenti per raggiungere il 65% di raccolta differenziata la gestione del servizio non risponde alle esigenze effettive dei cittadini, dell'organizzazione del lavoro ed è soprattutto deludente nei risultati, ha solo prodotto solo insignificanti aumenti nelle percentuali di raccolta differenziata......"
Così il comunicato CGIL-CISL-UIL emesso ieri dà conto, dall'interno dell'ASM, di quanto avevamo più volte affermato in nostri precedenti articoli!!
Il CdA dell'ASM che, secondo una definizione del vicepresidente Antonio Rancati, agisce in comunione d'amorosi sensi tra PDL (versione bernocchiana) e PD (versione benignana), ovvero decidendo tutto, ma proprio tutto all'unanimità, ha, stavolta, detto di NO alle nuove assunzioni richieste dai sindacati scatenando la loro reazione. Che si materializzerà in un sit-in programmato per domani in Piazza del Comune durante la riunione del Consiglio Comunale!! Ma la posizione dei sindacati non appare del tutto lineare giacchè da una parte premono per nuove assunzioni e dall'altra criticano le decine e decine di nuove assunzioni fatte l'anno scorso sostenendo che alcuni di questi lavoratori non sarebbero stati neppure necessari!!
Pare evidente che il motivo del mancato accordo su nuove assunzioni sta tutto nelle difficoltà di Bilancio dell'ASM (oggi, tra l'altro, dovrebbe essere approvato il Conto Consuntivo 2012..) e nell'evidente impennata che hanno subito i costi per il personale all'interno dei delicati equilibri economici che vedono una decrescita del fatturato a seguito della decrescita della raccolta dei rifiuti. CGIL-CISL ed UIL criticano pure gli scarsi risultati della Raccolta Differenziata la cui implementazione annuale appare davvero poca cosa rispetto agli obbiettivi dell'azienda e del Comune di Prato, oltre che della legislazione nazionale ed europea!! Trovano, pertanto, una perfetta conferma le analisi che andiamo facendo da settimane sulla pericolosa situazione dell'azienda di Via Paronese. Che, ricordiamolo, si è dovuta far anticipare dal tesoriere comunale la bella somma di 6 milioni di euro per pagare gli stipendi dei primi mesi del 2013!
       

FIRENZE, PRATO (E L'AREA METROPOLITANA)


"Avevamo visto giusto nella nostra lotta contro l’annessione alla Città Metropolitana. 
Avevamo visto giusto perché se mai qualcuno avesse avuto ancora dubbi sull’egemonia politica di 
Firenze, con la prossima delibera (a luglio) per la costruzione della nuova pista aeroportuale di 
Peretola ancora una volta viene evidenziata la sudditanza della Giunta Regionale verso il capoluogo. 
Il nostro non è campanilismo esacerbato da vecchie ruggini...."
E' l'inizio di un pezzo firmato da Daniele Gostini (Giovani e Famiglia) che appare sull'ultimo numero della NewsLetter di "Impegno Civico", gruppo di dichiarato appoggio al sindaco Cenni!
Parafrasando Gostini anche noi possiamo dirlo: avevamo visto giusto quando, nell'autunno 2012, ci eravamo schierati per l'abolizione della Provincia ed a favore di un nuovo ente di Area Metropolitana Firenze-Prato-Pistoia!! Giacchè, è del tutto evidente, solo con questa nuova istituzione sovraprovinciale sarebbe stato possibile, ad esempio, contrastare quello che vorrebbe contrastare anche Gostini: la nuova pista di Peretola!! Coloro che, come l'esponente di Giovani e Famiglia, "abbaiano" da tempo contro l'egemonia fiorentina rivendicando un più alto tasso di autonomia pratese dovrebbero spiegarci per quale motivo Firenze e la sua leadership si schierarono anch'essi, guarda caso fiancheggiando gli "autonomisti" pratesi, contro l'ipotesi dell'ente d'area vasta!! Sia Renzi che l'assessore Petretto spararono cannonate non indifferenti contro l'ipotesi formulata dal Governo Monti nell'ambito della spending review!!  Firenze, di fatto, fu alleata della Prato "autonomista" di Cenni (e della sua maggioranza...) contro il realizzarsi di questa ipotesi! Che, secondo l'opinione di Gostini, avrebbe vieppiù consolidato lo "strapotere" fiorentino nella Regione!
E' del tutto evidente che se si parte da un'affermazione del tutto sbagliata non si può che arrivare a delle conclusioni del tutto errate!! Come ognuno può vedere (ma non Gostini...) è proprio l'assenza del nuovo ente d'Area Metropolitana, che adesso consente a Firenze di dettare le proprie condizioni a tutti gli altri Comuni, compreso Prato!! In fondo è facile da comprendere, ci può riuscire perfino Gostini: se ci fosse stato il nuovo ente Firenze, sulla proposta di nuova pista a Peretola, sarebbe finita in netta minoranza! Avrebbe avuto contro, infatti, non solo Prato e Pistoia, ma anche i propri comuni confinanti: Sesto, Scandicci, Campi, Calenzano!! Tutti nettamente schierati contro l'avventuroso piano di una nuova Peretola!! Dunque è vero esattamente il contrario di quello che afferma in incipit Daniele Gostini: è la mancanza dell'ente di Area Metropolitana a favorire l'egemonia fiorentina! 
Visto che ci siamo, tuttavia, vorremmo far apprezzare a Gostini, al sindaco Cenni ed alla loro magggioranza (ove ancora vi fosse...) un altro piccolissimo particolare: in cambio del "sacrificio" che Firenze chiede a Prato (ovvero sopportare d'essere, in alcune zone del suo territorio, sorvolata dagli aerei che partono o arrivano a Peretola..) il capoluogo si accolla, per accordi intercorsi tra tutti i comuni (Prato compreso) la realizzazione a Case Passerini dell'inceneritore d'area vasta!!
Dove saranno smaltiti col fuoco anche i rifiuti pratesi!! Firenze, pertanto, si fa carico di risolverci un nostro annoso problema!!  Ma su questo aspetto sia Cenni che adesso Gostini, "sorvolano"!!
Come se non ci riguardasse il fatto che il territorio fiorentino si prende in carico tutto l'inquinamento che deriverà anche dall'incenerimento dei rifiuti pratesi!! Per essere estremamente chiari possiamo tranquillamente affermare che messi di fronte alle due scelte (essere sorvolati dagli aerei "fiorentini" ovvero costruire sul nostro territorio un autonomo inceneritore pratese..) ci schieriamo nettamente per la prima soluzione!! I danni che deriveranno dal sorvolo aereo di parte del territorio pratese, saranno, a nostro avviso, assai minori di quelli che avremmo avuto dalla localizzazione a Prato di un nostro autonomo inceneritore dei nostri rifiuti!!     

BAGNOLI


Mercoledì, 26 giugno 2013. A Bagnoli, non ancora divorata dall'ampliamento Italsider del 1960, il termalismo andava forte, solo a piazza Bagnoli c'erano le terme Tricarico, Manganella, Cotroneo e la speculazione non s'era mangiate le tante ville ispirate a Lamont Young! C'era pure, lato mare, una banca dell'acqua di una volta, gestita dal nonno di un mio compagno di scuola, Miele Ciro, vendeva orzata e spremute di arance sorrentine. Il nonno di Ciro diceva che gli uomini erano come le arance, che lui chiamava "purtualli", c'è chi aveva più sugo e chi meno sugo, qualcuno era pure fradicio, ma sempre arance eravamo. L'industrialismo selvaggio mi distrusse Bagnoli non solo nel territorio, fu seppellita anche la saggezza che sapeva come si vivesse nella terra dei Campi Flegrei.

CARLO FEDERICO GROSSO

Sentenza Ruby, decreto carceri e amnistia. Intervista a Carlo Federico Grosso

CASO ORLANDI

Caso Orlandi: parla Marco Fassoni Accetti


VARIABILE


martedì 25 giugno 2013

FERRARA=PUTTANA








GIORNATACCE CENNIANE


Giornatacce queste per il Sindaco Roberto Cenni! Finita l'effimera euforia delle feste "aggratis"  (ma, tranquilli, domani sera si ricomincia con Sandro Veronesi che chiacchiererà amabilmente con Niccolò Ammanniti...), stiamo assistendo in queste ore ad una specie di  ammutinamento di diversi membri della congerie di consiglieri, ufficiali o meno, retribuiti o meno, del sindaco!!
Ha iniziato il Prof. Giuseppe Centauro andando a tenere concione, da par suo, sulla città etrusca di Gonfienti, nel covo del M5S pratese, versione baroschiana. Che, da molto tempo, è in rotta di collisione con Cenni! Lo stesso Centauro c'ha rifatto nuovamente! Presentando, per l'associazione "La Via del Ferro"  un interessantissimo video di un suo neolaureato, Davide Fastelli, sempre sul tema degli etruschi, di Gonfienti e della Calvana arcaica! Temi che, seppur evidentemente suggeriti al Sindaco, non l'hanno trovato minimamente reattivo!! Cenni, è noto, se n'è strafregato di Gonfienti e degli Etruschi durante questi quattro anni di governo! Aveva ben altro a cui pensare!
Ha continuato, qualche giorno dopo, il consigliere culturale del sindaco, insigne neogiornalista; fondatore, editore e direttore di un noto blog cittadino. Il quale non ha saputo trattenersi dallo scrivere sul suo foglio virtuale che l'area dell'ex ospedale è giusto e corretto che venga restituita all'uso dei cittadini attraverso la realizzazione di un gran Parco Urbano!! Infischiandosene allegramente della posizione, opposta, del Cenni che, in accordo col governatore Rossi, vorrebbe cementificare ad appartamenti parte di quel territorio contermine al Centro Storico!!
Stamattina altri due pezzi da novanta della consulta dei suoi consiglieri paiono in rotta di collisione titanica col loro mentore!! Il Presidente del Teatro Metastasio, gloria cittadina del giornalismo, attacca l'amministrazione comunale, sindaco in testa, perchè non riesce ad ottenere la gestione del Teatro Magnolfi!! Eppure, sostiene, avere quello spazio significherebbe accedere ad importanti finanziamenti europei!! Pare che un non identificato dirigente comunale si sia messo di traverso e che a nessuno riesca di rimuovere le sue obiezioni!! Ed, infine, proveniente dall'oltremare, a Cenni viene recapitato oggi un vero e proprio siluro (ma forse no...)! Che sembra proprio l'epitaffio della sua avventura da primo cittadino!! Scrive, infatti, il consigliere africano che, a suo parere, è giunto per Cenni il momento di recitare questa dichiarazione:  
“In questi quattro anni ho servito la città come meglio ho potuto, sottraendola agli effetti devastanti delle logiche di parte e tenendola il più possibile al riparo dalle conseguenze di una politica che si sta rivelando ogni giorno di più inadeguata ed incapace di interpretare i bisogni reali dei cittadini e di proporre soluzioni per il bene comune.
Sono stati anni durissimi e appesantiti da un clima che ha reso, a volte, insopportabile il peso delle responsabilità che questo mandato comporta.
Per questo, a dodici mesi dalla scadenza naturale del compito affidatomi con il voto del 2009, che è mia ferma intenzione portare a termine nell’adempimento puntuale degli impegni presi con la Città, ho deciso di non candidarmi per un secondo mandato.
Confido dunque nel senso di responsabilità dei partiti politici e delle liste civiche che competeranno nella fase finale di questa campagna elettorale, iniziata all’indomani della mia elezione a Sindaco di Prato, ed auguro ogni bene alla nostra Città.”
Almeno fategli finire il quinquennio! Questo sembra far intendere il consigliere cartaginese!! E' evidente che pure da quelle parti giungono echi poco confortevoli per il Sindaco. A capo, ormai, di una maggioranza tutti i giorni più logora, stanca e divisa su quasi tutto!! Chissà se chi vorrà potrà dare ascolto alla richiesta di tregua lanciata da Cenni per il tramite dell'Annibale concittadino in esilio volontario!! Vedremo!!

MILANO=SCHIFEZZA?


Boh, io lo dico. A me questa cosa dei sette anni a Berlusconi mica mi piace. Questo ne ha fatto di cotte e di crude, è un maramaldo, uno aiutato da figure losche che probabilmente pagava, uno che si è fatto eleggere da star della tv che dicevano nel 1994 "io questa volta lo so chi votare... Berlusconi, che è bravo, buono... ("e mi ha dato tanti soldi"..., nda)", vedi Vianello e Mondaini e tanti altri ma tanti in diretta tv in prima fascia... uno che sta a destra a sinistra al centro sopra e sotto, uno che non gli è mai fregato niente della politica vera, uno che ha corrotto tanti per comprare tanto, uno che ha tradito anche chi diceva (e chi sperava, come me per un minuto, anche se non lo ha mai votato e non lo avrebbe mai votato) che i liberali erano la soluzione, i liberali veri mica quelli che hanno presentato nelle liste... Insomma, questo qui ha cavalcato la famiglia, la chiesa, l'ordine, il liberalismo, il socialismo... e poi, nell'ordine, ha messo più corna di una mandria, ha fatto vestire le sue ragazze da suora prima di scoparci, s'è comprato tutto il mondo, è diventato il migliore amico di Putin, ha usato i socialisti come zerbini...
Insomma, alla fine ci ha messo nella merda più di quanto si immagini, anche perché ha tolto dignità alla politica facendola diventare un ring di gente che, come nella Russia di Putin, si prende a sediate in diretta tv e in Parlamento.
Questa cosa dei sette anni, però, è una vera schifezza. Non esiste equilibrio fra fatti e pena comminata, la giustizia è un'altra cosa, è equilibrio (ricordate il simbolo della bilancia?), è correttezza, è congruità rispetto al crimine commesso. Siamo il Paese nel quale il 70% dei reati non viene nemmeno perseguito nonostante l'obbligatorietà dell'azione penale, che significa infatti scelta di chi si vuole perseguire con la scusa che tutti non ce la si fa, a perseguirli. È la stessa giustizia dei tempi del fascismo, lo stesso modo di colpire...
Insomma, non bastavano due anni per mandarlo a casa per sempre? Oppure, non bastava l'interdizione dai pubblici uffici per averli usati a suo vantaggio nel caso Ruby? Che poi un po' gli stia bene, possiamo concordare. Ma tanto arriva l'Appello e poi la Cassazione, e ci becchiamo intanto tre anni di polemiche del PDL... domandina finale: chi vuole cambiare questa giustizia con la g minuscola, perché non firma i referendum? Se penso che la prima Magistratura Democratica li aveva firmati, gli stessi, tanti anni fa... che la sinistra libertaria e liberale si svegli, per piacere... ripeto, la sinistra libertaria e liberale... spero che batta un colpo. (da FB)

RAGAZZA COCOCO'


Il 2012 è stato un anno davvero fortunato nei rapporti tra la dr.ssa Irene Sanesi ed il Comune di Prato. Il suo, infatti, è stato uno dei nomi più ricorrenti nelle delibere del Comune.
A febbraio la dr.ssa Sanesi riceve un incarico per monitorare le attività espletate dalle istituzioni culturali del Comune o partecipate dal Comune sotto il profilo economico e fiscale. Per questo progetto la dr.ssa Sanesi chiede, e riceve, 4.000 euro.
Un mese dopo ancora la dr.ssa Sanesi viene prescelta dal Comune, a trattativa privata come nel caso precedente beninteso, quale esperta di fiducia dell'Amministrazione Comunale con l'incarico di seguire le pratiche relative all'adesione dell'Ente pratese all'Osservatorio Regionale per il Turismo. Per adempiere a questa ulteriore mansione la dr.ssa Sanesi chiede, e riceve, un compenso di 6.300 euro!!
Passate le ferie estive, a settembre, il sindaco in persona richiede i servigi della dr.ssa Sanesi quale suo consigliere speciale per la cultura, versante economico e fiscale. In questo caso la Giunta assume la dr.ssa Sanesi in qualità di Collaboratore Coordinato e Continuativo (COCOCO) con scadenza al termine della sindacatura Cenni. Il compenso che viene pattuito è di circa 50.000 euro complessivi!
Dicevamo che il 2012 era stato particolarmente fortunato per la dr.ssa Sanesi in quanto, in tutto, porta a casa dalle casse pubbliche comunali la cifra non indifferente di 60.000 euro!!
Tutti sudati, guadagnati e meritati si capisce! Anche se, spulciando le carte ufficiali dell'Amministrazione Comunale, non è dato sapere i risultati ottenuti nei suoi tre diversi incarichi.
Ma, naturalmente, trattandosi di incarichi del tutto fiduciari, anche noi andiamo sulla fiducia! E' il sindaco che avrà tratto grande giovamento dalle sicure indicazioni di direzione che la dr.ssa Sanesi gli avrà senza dubbio suggerito dopo aggiornati reports, studi ed altri approfondimenti delle materie che le erano state affidate!!
Ed infatti Cenni se ne è giovato!! Ha incaricato diverse agenzie di condurre in porto il "Festival del Pane", il concerto di Fiorella Mannoia, le conversazioni dei due fratelli Veronesi, la Pratestate, il Settembre Pratese, la Pallagrossa....!!
Voi mi direte: ma son tutte cose che aveva già fatto anche nel 2012 pur non avendo la dr.ssa Sanesi quale consigliere e consulente speciale...!! Certamente, vi rispondo!! Ma quest'anno il Cenni, almeno per gli adempimenti fiscali relativi potrà dormire tra due comodi guanciali!!