lunedì 7 aprile 2014

VERSO LE ELEZIONI: COALIZIONI, LISTE E ASPIRANTI CONSIGLIERI


Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

Chiarito, almeno per il momento, l'affollato campo dei pretendenti al titolo principale in palio il 25 maggio prossimo (http://liberamenteprato.blogspot.it/2014/04/verso-le-elezioni-candidati-sindaci.html)  rimangono da conoscere due cose essenziali. Come saranno articolate le coalizioni e le alleanze (dove ci sono..) e, di conseguenza, quali e quanti saranno i candidati a ricoprire i 32 posti disponibili nel nuovo consiglio comunale.
Qui tutto è ancora in movimento. Sia a sinistra che a destra non è affatto chiara la composizione finale delle coalizioni. A sinistra pare evidente che ci saranno, a sostegno di Matteo Biffoni, la sua Lista civica; il PD; SEL; la Federazione della sinistra (RC+comunisti italiani) e la lista dell'IDV donzelliana.
Ad oggi pare che non presenteranno invece i propri contrassegni di partito nè il PSI e nemmeno Scelta Civica. Loro candidati saranno, probabilmente, ospiti della lista civica Biffoni.
Anche nella coalizione di destra la questione delle liste non è affatto chiarita. A sostegno di Roberto Cenni saranno di sicuro in campo; la lista civica "Prato per Cenni"; Forza Italia; Fratelli d'Italia; Lega Nord (o Lega Toscana); Alleanza Sociale per Prato. Ancora incerta è la presenza autonoma dell'UDC bambagioniana; mentre i Socialisti Riformisti di Paolo Calamai e Federico Lorusso dovrebbero correre con propri candidati nella lista Cenni.
Pochissime anche le indiscrezioni sulle candidature. Se è stato annunciato il capolista di "Prato per Cenni" (l'imprenditore Alessandro Benelli) e che saranno candidati gli assessori Annalisa Nocentini, Dante Mondanelli e Adriano Ballerini, niente è dato sapere sulla composizione della lista di Matteo Biffoni. Neppure il simbolo è ad oggi noto. Gossip più o meno verificabili parlano che tra i candidati di Biffoni (oltre a Mila Ruggiero, Corrado Caiano e agli avvocati Nicolosi ed Edy Pacini, già svelati dai giornali..) ci sarebbe anche l'ex fondatore ed ex presidente della lista civica "Prato Libera e Sicura", Bruno Gualtieri. Se così fosse si renderebbe plasticamente evidente il fallimento di Aldo Milone e della sua politica. Quasi certo anche l'accordo tra Lista Biffoni e la minoranza dell'UDC. Che candiderebbe Lorenzo Marchi. Basta! Non ci sono altre notizie o indiscrezioni. Sicura nella lista del NCD la presenza della fondatrice di "Idee per Prato" Simona Ciardi. Neppure sulla composizione della lista del PD giungono notizie attendibili. Di Forza Italia si sa soltanto che il capolista sarà Roberto "highlander" Baldi. Niente sulle altre formazioni. Caso a parte quello del M5S. La lista è già stranota. Ed oggetto di attacchi assai velenosi ed in parte anche assai pretestuosi. Primi violenti critici proprio i militanti del Meet Up 134 che fino a poche ore prima facevano invece il "filo" alla lista ed a Mariangela Verdolini.
Complessivamente dovrebbe "salire" in campo, tra candidati sindaci e candidati consiglieri un esercito di circa 600 nominativi suddivisi per le 18/19 liste che saranno presentate entro il 26 aprile. Un'impressionante marea umana e politica. Praticamente per ogni posto a disposizione ci saranno ben 20 candidati. Un aspirante consigliere ogni 215 elettori!! 
Sul terreno delle previsioni di voto pare interessante il sondaggio che si svolge sull'home page di questo blog. Ad oggi 219 (adesso) singoli utenti hanno espresso la loro intenzione di voto. Se si pensa che i sondaggi nazionali vengono effettuati su elaborati campioni di 800/1000 elettori anche questo test, pur senza alcuna pretesa di verosimiglianza statistica e demoscopica, offre, tuttavia, alcuni intriganti spunti di riflessione. Il "sondaggio" di "Liber@Mente" assegna il primo posto al M5S che riporta il 16% dei voti. Perfettamente appaiati al secondo posto PD e Lista Cenni con il 13%. Terza la Lista civica "La Città Per Noi" con il 9%. Al 6% si collocano Lista Biffoni e Forza Italia. Fratelli d'Italia e "Indipendenti per Prato-Fare per Fermare" sarebbero al 5%. Un 4% ha indicato "altro".  La Lega Nord (o Toscana) è al 3%. Pure al 3% SEL, IDV e RC-Comunisti. Seguono con l'un percento di consensi "Città Forte", NCD e Lista dei Comitati. Un voto è andato anche a "La Nostra Città", lista civica emanazione del consigliere di Cenni Paolo Calamai ed a "Scelta Civica". Nessun voto a "Socialisti Riformisti",  ed "Idee per Prato". Che, infatti, non compariranno sulle schede elettorali. Gli utenti di "Liber@Mente" sono assai attenti ed  informati! Infine neanche un voto per "Alleanza per Prato". Che in realtà si chiamerà "Alleanza sociale per Prato" e che avrà in Giancarlo Auzzi il proprio capolista.
Per quanto riguarda le coalizioni comanda quella di centrosinistra che raggiunge il 35%. Seguita dalla coalizione di centrodestra al 27%. Ripetiamo che questi numeri non hanno alcun valore statistico. Tuttavia il "sondaggio", pur con evidenti storture al suo interno, è sufficientemente indicativo di qualche tendenza in atto nell'elettorato pratese.
Il primo posto del M5S non è una sorpresa. Si conosce la natura di navigatori del web della maggior parte dei militanti grillini. Tuttavia, per effetto delle alleanze, il M5S non raggiungerebbe il ballottaggio che dall'esito del "sondaggio" si profila. E che vedrebbe di fronte, domenica 8 giugno, Matteo Biffoni e Roberto Cenni. Proprio la lista "Prato per Cenni" è la prima vera sorpresa della rilevazione. Poichè conferma la capacità del sindaco uscente di attrarre voti dagli altri soggetti del centrodestra. Fino quasi a svuotarli completamente. Buono anche il risultato della lista Biffoni che con il risultato che ottiene eleggerebbe, in caso di vittoria del centrosinistra, sicuramente almeno due consiglieri comunali. Notevole, se il dato venisse confermato dalle urne, anche il risultato della lista "La Città per Noi" che con il 9% entrerebbe in consiglio con due eletti. In consiglio verrebbe rappresentata per la prima volta anche la lista dei "Fratelli d'Italia". M5S, PD, lista "Prato per Cenni", "La Città per Noi", Lista Biffoni, Forza Italia e Fratelli d'Italia avrebbero degli eletti. Tutte le altre formazioni rimarrebbero a rischio di esclusione dal prossimo consiglio comunale. Dipenderà da quale sarà la coalizione vincente. In caso di vittoria del centrosinistra il PD otterrebbe 13 consiglieri. Due sarebbero appannaggio della Lista Biffoni. Uno ciascuno per SEL, IDV e  RC/Comunisti. Al M5S spetterebbero 4 consiglieri. Lo stesso numero di eletti della Lista "Prato per Cenni". Due eletti avrebbero Forza Italia e La Città per Noi. Uno ciascuno Fratelli d'Italia ed Indipendenti per Prato-Fare per Fermare il Declino.
Rimarranno sicuramente fuori dal Consiglio alcune fantastiche "liste" che, sul web, sono state proposte dalla creatività dei "fondatori". La storica lista pilifera "Prato Libera e Bella", fondata dall'avvocato Alessandra Artese, non ce la farà neanche con l'ultima alleanza concordata con "Fare per Fermare la Ricrescita". Fuori anche "Liber@Mente" di Giugni e Targetti (il post sulla lista raggiunge però il record di contatti e letture sia sul blog che sul web ...). Anche Pasquale Bove e la sua "Prato nel cuore e nell'anima", lista civica vera-falsa non sarà sulle schede elettorali. Al pari della lista "Luna", civica falsa-vera di Maila Ermini e Fulvio Silvestrini.  Infine pure la lista "La Nazione per Prato" (due assessori, un capogruppo tra gli uscenti ecc. ecc.), salita alla ribalta per i numerosi endorsement verso il sindaco uscente, resterà una lista vera-vera/falsa-falsa ma attiva-attiva!


Posta un commento