lunedì 14 aprile 2014

VERSO LE ELEZIONI: SINDACI, LISTE, CANDIDATI, FIGURE E FIGURACCE



Sulla home page del blog (www.liberamenteprato.blogspot.it)
 è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

Settimana importante quella che inizia. Sarà, probabilmente, la settimana che ci consentirà di conoscere esattamente il campo dei candidati sindaci per il 25 maggio; le liste presenti; le singole candidature a consigliere comunale. Ma importante anche quella terminata ieri. Rispetto a lunedì scorso (http://liberamenteprato.blogspot.it/2014/04/verso-le-elezioni-coalizioni-liste-e.html), diverse sono state le novità. Un altro candidato sindaco si è ufficialmente aggiunto ai nove precedenti. Si tratta di Mario Tognocchi che si presenterà quale aspirante primo cittadino alla guida della lista "Scaricare Tutto Tutti" (STT). Evidentemente nessun accordo è stato possibile con una delle due maggiori coalizioni. Abbiamo poi assistito ad una specie di inseminazione artificiale eterologa da parte della Lega Nord e dell'UDC. Dal ventre molle della Lega sono nate ben tre liste: "Lega Nord" propriamente detta; "Lega Toscana" di e con l'espulso Emilio Paradiso; "Io Cambio" di e con Claudio Morganti. Tutte e tre in coalizione con Roberto Cenni, beninteso. Tenteranno, evidentemente, la moltiplicazione dei pani e dei pesci di quel che resta dell'elettorato leghista pratese. Che alle politiche del 2013 raggiunse la non inebriante cifra dello 0,81%! Sempre in casa ex leghista per Federico Tosoni che abbandona c'è Leonardo Soldi che raddoppia. Candidandosi, candidamente, nella lista Prato Libera e Sicura e dunque in appoggio a Roberto Cenni. Al quale, peraltro, negli ultimi mesi, non aveva lesinato critiche. A cominciare dal rifiuto di partecipare ad eventuali primarie del centrodestra.   Pure l'UDC non scherza! Come si conviene agli eredi della tradizione democristiana hanno disseminato, come api laboriose, propri esponenti quasi dappertutto. La lista sostiene naturalmente Cenni. E sarà guidata dall'assessore Roberto Caverni. Il consigliere uscente, Antonio Longo, viceversa, starà all'interno della lista "Prato con Cenni". Mentre il rampollo del leader della minoranza postdemocristiana s'è accasato, pare, con la Lista Biffoni (o come si chiamerà..).
Questa, dunque, la composizione della coalizione di centrodestra a sostegno del sindaco uscente: "Prato con Cenni"; Forza Italia; UDC; Fratelli d'Italia; Prato Libera e Sicura; Alleanza Sociale per Prato; Lega Nord; Lega Toscana; Io Cambio.
Nessuna novità, invece, sul fronte della coalizione di centrosinistra che sostiene Matteo Biffoni. Ancora sconosciuti sia il nome che il simbolo della lista civica (che conterrà esponenti del PSI e del Centro Democratico tabacciano...) che insieme a PD, SEL, IDV, FDS e Scelta Civica  dovrebbe sostenerne la campagna. Due infortuni hanno caratterizzato la settimana del centrosinistra. Il rifiuto di Martina Giangrande di candidarsi con la Lista Biffoni e la trovata di qualche "genio" locale dell'agit-prop del Comitato Biffoni di diffondere, in concomitanza con la manifestazione a sostegno del piccolo Niccolò, palloncini griffati PD. Pessima idea. Cattivo gusto, bruttissima pubblicità e orrida strumentalizzazione. Continua, infine, la telenovela relativa all'autocandidatura, nel PD, del direttore di RadioGas, Marco Monzali.  Che ha rifiutato l'offerta di presentarsi con la Lista Biffoni. Non accettando, lui iscritto al PD, la definizione di "civico". Che invece pare aver gradito la sindacalista della CISL Gabriella Melighetti, ex assessore della giunta provinciale, giubilata da Lamberto Gestri per l'affaire del Direttore Generale Giancarlo Cecchi. Uscita dal portone di Palazzo Buonamici come PD prova a rientrare dalla finestra di Palazzo Comunale come candidata civica ancorchè in quota democrat. Come osserva argutamente Rita Romagnoli una volta c'erano gli "indipendenti" nelle liste del PCI. Adesso ci sono gli iscritti PD nelle liste degli "indipendenti"!
Il nostro "sondaggio" intanto sta andando benissimo. Quasi 400 singoli utenti hanno già votato per i loro preferiti. Tra le liste domina per adesso incontrastato il M5S che ha raggiunto il 19% dei consensi. Seguito dalla lista "Prato con Cenni" al 15%. Poi il PD col 13%. Al quarto posto la sorpresa "Alleanza sociale per Prato" col 10%. Seguita dalla lista Biffoni che ottiene il 9%. Tra le coalizioni vince a mani basse, per adesso, quella di centrodestra che raccoglie il 37% dei consensi a fronte del 28% conseguito dal centrosinistra. Ma ad oltre un mese dal 25 maggio pare ancora presto per trarre qualche conclusione.


Posta un commento