giovedì 5 giugno 2014

ANALISI DEI RISULTATI ELETTORALI: M5S E GLI ALTRI


Dopo aver fatto le "bucce" ai risultati elettorali ottenuti dalla sinistra (http://liberamenteprato.blogspot.it/2014/06/analisi-dei-risultati-elettorali-il.html) e dalla destra (http://liberamenteprato.blogspot.it/2014/06/analisi-del-risultato-elettorale-il.html) oggi è il turno del M5S e delle altre liste che avevano presentato candidati sindaco. I risultati ottenuti sono i seguenti: 

PARTITI                                        2009                                                        2014

M5S.                                1.807               1,86                               8.277  9,19          + 6.470
NCD                                ------                -----                                  904  1,00           +    904          
CITTA' FORTE                    ---                -----                                442    0,49        +     442
INDIPENDENTI/FF            ----              ------                                828   0,94          +    828
RUBINO                             344                0.35                               384     0,43        +      40
STT-TOGNOCCHI            ----                  ----                                845    0,95          +   845
UMANISTI                        ----                 -------                              123    0,14          +   123
                                        -----------          ---------                     --------------------        -----------  
                                        2.151                  2,21                           11.803  13,14      +  9.652


Alle europee il M5S prende 13.520 voti ed il 14,87%. Alle politiche del 2013 il M5S prese 24.185 voti pari al 23,48%. Questi  numeri sono evidentemente impietosi ma rendono bene la bruttissima performance del M5S pratese nelle elezioni del 25 maggio scorso. Tutti in rosso i raffronti. A parte quello con le lontanissime amministrative del 2009. Nella medesima giornata del voto europeo ed amministrativo gli stellati perdono 5.243 voti alle comunali rispetto alle europee. E quasi il doppio, 10.665, sulle politiche 2013. Sempre rispetto alle europee i pentastellati, che l'anno scorso avevano preso a Prato una percentuale quasi analoga a quella nazionale, perdono nel confronto col risultato nazionale, circa 7 punti.
Un disastro, rispetto alle attese ed alle elezioni europee ed a quelle politiche del 2013, il risultato alle comunali. Mancano ai grillini quasi 16.000 voti rispetto alle politiche del 2013. Oltre 5.000 rispetto alle concomitanti europee. Una dèbacle impressionante che fa del risultato pratese uno dei peggiori del M5S a livello nazionale. Hanno pesato, eccome, le divisioni e le "guerre" tra i due Meet Up cittadini. Ed anche la scarsa credibilità della lista alla fine presentata dal gruppo risultato vincente nelle elezioni interne al Movimento. Lo testimonia anche lo scarsissimo apporto in preferenze personali dei candidati grillini. Che su  8.277 voti al simbolo sommano la miseria di sole 704 preferenze. Di cui quasi 250 addensate sul ticket (eletto) Gabriele Capasso-Silvia La Vita. Vuol dire che la stragrande maggioranza dei votanti il M5S ha segnato solo il simbolo. Risultando largamente solo un voto d'opinione guadagnato da Beppe Grillo. Le preferenze grilline sul totale dei voti sono state solo l'8,50%. Il risultato migliore, per fare un esempio, è stato quello della lista civica Biffoni che ha guadagnato ben il 72% devi voti attraverso le preferenze ai propri candidati.
Ma il pessimo risultato del M5S pratese può essere anche metafora del grillismo nazionale. Beppe Grillo, con la solita arrogante arrembanza, a volte simpatica a volte mica, aveva dichiarato in tutte le salse che dopo il previsto (da lui e dai sondaggisti, per la verità...) grande successo del Movimento avrebbe: 1) Chiesto le dimissioni di Napolitano e 2) Chiesto nuove elezioni politiche i risultati delle quali avrebbero dovuto consentire al M5S di governare da solo questo grande Paese!
Tuttavia Beppe Grillo ed i suoi non hanno proprio saputo "governare" una bega di paese come quella sviluppatasi a Prato fra i due Meet Up avversari. E non avendo saputo dirimere una banale lite tra "comari" (e bastava poco..occorreva dire "o fate un'unica lista o nessuno otterrà la certificazione"..) ha, di fatto, determinato il risultato "orribile" dei pentastellati cittadini. Ma se Beppe Grillo ed il suo staff non sono stati in grado di governare questa baruffetta locale come avrebbero (e come potrebbero...) governare l'intera Nazione? Per fortuna c'ha pensato la saggezza dell'elettorato. Di fronte alla prospettiva di avere un governo formato da credenti in sirene e scie chimiche, in parlamentari che citano un tizio di nome Pino Chet, o, da ultimo, in intrepidi nemici del grano "saraceno", han pensato bene, pur con tutte le cautele del caso e spesso turandosi non solo il naso ma anche altri orifizi, di dare forza a Matteo Renzi ed al suo Partito Democratico.....  
Le altre 6 liste che concorrevano con un proprio candidato sindaco ottengono complessivamente solo il 3,95%. Solo NCD arriva a toccare l'uno per cento dei voti. Per gli alfaniani queste elezioni pratesi si sono rivelate un vero e proprio bagno di sangue. Certo nessuno immaginava una vittoria di Carlo La Vigna e Alberto Magnolfi. Tuttavia le attese per un risultato di tenuta e di decenza politica per un partito nazionale e di governo c'erano tutte. Alle europee NCD (insieme a UDC) arriva a 2.507 voti ed al 2,76%. Lontano dal non proprio lusinghiero risultato nazionale ma quasi il triplo dei voti raccolti alle comunali.  Insignificanti, come era stato già previsto da questo blog, il risultato delle altre liste civiche. Nessuna di loro raggiunge l'uno per cento dei voti. Ed anche se sommate insieme non avrebbero concorso all'elezione di consiglieri comunali. Troppo forte il M5S, sul lato della concorrenza nella denuncia. E troppo forte, sul versante delle alleanze, dei programmi e dei candidati, la concorrenza delle liste civiche dei due schieramenti di sinistra e destra.

  
Posta un commento