mercoledì 4 giugno 2014

ANALISI DEL RISULTATO ELETTORALE: IL CENTRODESTRA


Ieri abbiamo analizzato più da vicino (http://liberamenteprato.blogspot.it/2014/06/analisi-dei-risultati-elettorali-il.html) il risultato elettorale ottenuto dalla coalizione di centrosinistra. Oggi guardiamo dentro quello del centrodestra. Compito, per la verità, assai più facile e di immediata comprensione. Ecco i risultati ottenuti col solito raffronto con quelli del 2009:


 PARTITI                                        2009                                                        2014

PDL/F.I.                               31.505              32,48                            9.114  10,12        - 22.391
UDC                                      3.101                3,20                               834    0,93         -  2.267
SOCIALISTI RIF.                  349                0,36                         ----------------             -    349
LEGA NORD                       4.913                5,07                             1.097    1,22      -  3.816
GIOVANI PRATESI              896                0,92                         ----------------          -    896
PRATO CIVICA                     744                0,77                          ----------------        -     744
TAITI PER PRATO                467                0,48                           ---------------       -     467
LA DESTRA                         1.075               1,11                            ---------------        -  1.075
                                           -----------         ---------                               --------------------  -----------
                                              43.050             44,39                           11.045    12,27  -  32.005


PRATO L e S                           2.587               2,67                          3.241     3,60        +     654
ALLEANZA SOCIALE           -------              -----                               224     0,25        +     224
PRATO CON CENNI             -------              -----                             8.809     9,78        +  8.809
LEGA TOSCANA                  --------              -----                                176     0,20         +    176
IO CAMBIO                           --------             ------                               284     0,32         +    284
FRATELLI D'ITALIA             --------             ------                           1.938    2,15         + 1.938
                                               ----------       -----------                              --------  ------          ---------
                                               45.637              47,06                            14.682  16,30     + 12.085

                                                                                                              ==========          ======
                                                                                                             25.717  28,57       - 19.920

Più chiaro di così! La coalizione che aveva vinto nel 2009 perde oltre 32.000 voti. Recuperandone, con i nuovi apporti, solo poco più di 12.000. Cosicchè il saldo negativo è di circa 20.000 voti. Un'impressionante massa di consensi volatilizzati in 5 anni di governo del centrodestra cittadino. I motivi dell'evidente dèbacle dei cenniani sono, ovviamente, molteplici e non tutti riferibili alla politica cittadina.
Il crollo è dovuto allo squagliamento nazionale del centrodestra ed ai guai giudiziari dell'unico leader di quello schieramento: Silvio Berlusconi. Ed al conseguente emergere del carisma di Matteo Renzi che si è abbattuto come un fiume in piena anche su Prato. Per dare ragione di questa affermazione basta considerare che alle europee il risultato del centrodestra è stato perfino assai peggiore di quello delle comunali. Le varie formazioni di destra (F.I.-FdI-Io Cambio-Lega Nord-NCD/UDC) totalizzano solo 20.687 voti pari al 22,76%. Contro il 28,57% e 25.717 voti delle comunali  (oltre i quasi 900 voti andati al NCD). Sicuramente i voti perduti dall'urna comunale a quella europea sono andati verso astensione, M5S, PD.
Naturalmente anche diversi fattori locali hanno contribuito alla sconfitta clamorosa del centrodestra.
Innanzitutto l'incapacità assoluta di mantenere unita la coalizione del 2009. Roberto Cenni è passato dall'euforia per l'insperata vittoria e da un atteggiamento politico che lo aveva fatto denominare come sindaco bipartisan (ricorderete tutte le conferme/nomine di uomini della sinistra all'interno di vari enti..) al cupio dissolvi di metà legislatura. Quando ha creduto di poter tenere a bada le legittime richieste delle varie forze politiche rispondendo di no, o quasi, a tutti (a cominciare dai radicali dell'associazione Liber@MentePrato).
Non per vantare inutili primogeniture ma il crollo della diga del centrodestra pratese è iniziato proprio da quel minuscolo forellino causato dall'uscita dei radicali dalla maggioranza....Da allora è stato uno stillicidio di diversificazioni e divisioni. Culminato con la pugnalata finale che, a pochi giorni dalle elezioni, mandò in minoranza Cenni sulla delibera d'approvazione del Bilancio 2013!
A significare che all'interno di una coalizione non possono esserci "unti del Signore" e paria. Che é una verità valida sia a destra come a sinistra!
Cosicchè il 25 maggio non ha potuto che confermare la dissoluzione della coalizione Cenni. Forza Italia, che rimane il primo partito dell'alleanza, crolla e perde quasi 23.000 voti. La Lega Nord, partito-miracolo del 2009, già sparita da tempo dalla politica cittadina, e divisa per tre, svanisce al di là dell'Appennino tosco-emiliano! L'UDC, la bad company messa in piedi dalla dirigenza locale come semplice specchietto per le allodole, fa il botto all'indietro. Facendo rimediare una bruttissima figura all'ottimo Roberto Caverni. Quasi nullo pure l'apporto delle altre liste. Ad eccezione, ovviamente, della lista civica del sindaco. Che col suo 9,78% dei voti diventa il terzo partito della città. Rimanendo, tuttavia, ben al di sotto delle previsioni della vigilia. Occorre infatti tener presente nel valutare il risultato della lista Cenni che al suo interno v'erano almeno due altre formazioni politiche: la lista Giovani e Famiglia e Antonio Longo, ovvero la parte migliore, elettoralmente parlando s'intende, dell'UDC pratese.
Dalle preferenze acquisite da Sandro Ciardi, 138, e da Antonio Longo, 546, possiamo arguire che l'apporto di GeF è stato di circa 4/500 voti; quello di Longo di circa 1000/1500. Quasi 2000 voti che consentono di ridimensionare il risultato di Roberto Cenni. Che in consiglio comunale si troverà a fare il capogruppo solo di Dante Mondanelli ed Alessandro Benelli. Quasi sicuramente, infatti, Antonio Longo darà vita al gruppo autonomo dell'UDC. Nel positivo risultato della lista Prato Libera e Sicura c'è da segnalare, comunque, la scarsa capacità attrattiva di Aldo Milone. Dopo essere stato quasi tutti i giorni e per 5 anni sulle pagine di quotidiani e tv locali e nazionali conquista, rispetto al 2009, poco più di 600 voti. Una miseria!  
Il risultato di Forza Italia è segnato dalle strabilianti performances del ticket Rita Pieri e Giorgio Silli. Che, da soli, valgono metà dei voti conquistati dai berluscones. Chiara, a questo punto, la candidatura a sindaco di uno dei due alle elezioni del 2019. Penalizzato dalla bagarre sulle preferenze esce intanto dalla scena politica un signore che l'aveva attraversata per 40 anni: Roberto Baldi. Che paga, evidentemente, una certa conduzione autoritaria, forse necessaria ed inevitabile, del gruppo consiliare piddiellino prima e forzista poi. Ha tuttavia diritto all'onore delle armi! Al momento non si hanno informazioni sul silente Riccardo Mazzoni, coordinatore provinciale di Forza Italia.  
Domani, formazione della Giunta permettendo, analizzeremo il comportamento elettorale del M5S e delle altre liste. 

Posta un commento