domenica 27 luglio 2014

FESTA DELL'UNITA' (UN FLOP?)








Non ha portato bene il ritorno della festa dei democratici all'antica denominazione. Quest'anno la Festa dell'Unità nei giardini di Maliseti-Narnali non decolla. Complice, sicuramente, questa estate anomala. Ma complice anche il responsabile della sua organizzazione. Erano anni che non si assisteva ad una Festa così povera di eventi e di incontri. Sarà perchè la sua organizzazione è stata fortemente a rischio. Non tutti i dirigenti del PD erano convinti di farla. Intanto perchè, dopo l'impegno nelle elezioni amministrative del 25 maggio, vedevano stanchezza e rilassamento tra le loro file. Ed anche perchè era costretta a partire in ritardo. Cosicchè il PD ha pensato bene di prolungare di un'altra settimana la Festa  "corta". Anche quest'anno, dunque, si supereranno le tre settimane di kermesse. Sforando nel mese d'agosto. Cosa mai accaduta prima. Basterà per far levitare la Festa? All'interno della dirigenza del PD c'è chi ne dubita. Intanto, pare, che questi primi 15 giorni di Festa siano stati "a rimessa". 
E con alcuni notevoli inconvenienti tecnici sulle partecipazioni. Gli ultimi personaggi (ancorchè non di primissimo piano..)  a dare forfait sono stati l'on. Andrea Manciulli, ex segretario regionale del PD e la senatrice, vicepresidente del Senato, Valeria Fedeli, ex CGIL. 
Anche in questa occasione, inoltre, non sono mancati gli spunti critici. C'è chi non ha gradito l'approfondirsi del versante commerciale del tradizionale evento estivo. Troppi stands sono stati "appaltati" ad aziende, pub, botteghe, organizzazioni. Fino quasi a stravolgere il significato della manifestazione. In effetti il nucleo di attività gestite in autonomia dai mitici volontari delle feste dell'Unità si restringe ogni anno di più. Limitandosi alla conduzione del grande ristorante-bar-pizzeria ed alla enorme balera che si trova alla fine dell'attendamento. Da queste due attività (oltre che, beninteso, dall'affitto ricavato dagli stands...) il PD ricava solitamente il "guadagno" festaiolo. In questo clima neanche un accenno di autoironia è stato preso, da diversi frequentatori, per il verso giusto. Parliamo della decisione dell'intitolazione del bar interno "Barlinguer"!! C'è chi vi ha visto una caduta di stile inaspettata. Quasi un delitto di lesa maestà nell'unire il nome dell'amato defunto segretario del PCI a birre alla spina e patatine fritte. 
Domani inizia l'ultima settimana. Sono annunciati in arrivo due pezzi da novanta del PD: Matteo Orfini, poco carismatico e pochissimo conosciuto nuovo presidente del Partito e Simona Bonafè, recordwoman mondiale di preferenze alle recenti Europee. In Via Carraia contano di recuperare qualcosa. Ma il Generale Meteo anche per i prossimi giorni non promette alcun anticiclone delle Azzorre in arrivo!! Per la moribonda "Unità" i segnali che arrivano anche da Prato non sono granchè incoraggianti. Auguri......  
Posta un commento