giovedì 10 luglio 2014

GIUSEPPE PENONE: BOBOLI, FORTE BELVEDERE (...E VILLA BARDINI)


Al Forte Belvedere ed ai Boboli di Firenze può non essere inutile guardare le sculture di Penone. Il soggetto ricorrente dell'artista sono gli alberi, alberi interi o tronchi: alberi scheletrici e scheletriti, tronchi e rami secchi che non danno più foglie ma.....pietre. Ci rimproverano la perdita dell'armonia, la perdita del rispetto, il disprezzo della bellezza. 
Ma la Natura è più forte dell'abbandono, la Bellezza reclama la sua cittadinanza: e dalla radice secca di un albero capovolto nasce e cresce un nuovo virgulto, e da un altro albero altissimo sboccia un cuore di foglie d'oro e in cima sorregge tutto il mondo e richiama l'umanità al riscatto.

Dante Cruciani




















































Posta un commento