martedì 30 dicembre 2014

MUSICA SINISTRA


"E` la musica, la musica ribelle
che ti vibra nelle ossa
che ti entra nella pelle
che ti dice di uscire
che ti urla di cambiare
di mollare le menate
e di metterti a lottare"


Sono passati quasi 40 anni da quando si cantava questa hit del "giovanilismo" sinistrorso italico! Ma questi 4 decenni paiono essere passati proprio invano. 
Adesso la musica è cambiata. Quelli "de sinistra" invitano i giovani non ad uscire per le strade ed a lottare ma ad entrare in qualche locale (specie del centro storico..) davanti a shottini, corone, spritz, mojitos e daiquiri. Ascoltando musica "a palla" fino alle due del mattino. E menate a gogò!!
Perchè il Centro Storico deve "vivere"! Poco importa se questo pezzo di città è in stato comatoso dalle 8 alle 22! Quel che serve è che la vita sbocci allegra, rigogliosa e frastornante dalle 22 alle 2!
La strada per rivitalizzare il centro è dunque segnata. Alcol e musica per tutti. Poco importa se a condurre la danza è uno spezzone della sinistra-sinistra e non l'associazione dei commercianti.
Tuttavia un dubbio permane. Che cosa c'entra con musica, alcol (e altro..), freschezza ed allegria giovanile l'angusta Via Filippino (..no!..non si chiama così in omaggio ad un anonimo domestico asiatico...!)? Quei cento, duecento trecento (...magari qualcuno di loro sarà anche ferocemente contro la nuova pista di Peretola per il supposto inquinamento acustico...) non si sarebbero potuti ritrovare qualmente al Macrolotto 0 o 1 o 2? Senza arrecare disturbo al cittadino che (scusatelo..) la notte vorrebbe poter riposare? Se il rugby era, per Oscar Wilde, la maniera migliore per tenere 30 energumeni lontano dal centro il sabato pomeriggio, è davvero necessario fare l'operazione contraria con la cosiddetta movida?
E se la movida appare sottoforma di un pub, associato ACSI, c'è qualche sostanziale differenza con le altre decine che sono regolarmente presenti e distribuiti nel nostro centro storico?
Certamente ai giovani deve essere perdonato tutto. Se non si sbaglia e non si è arroganti in tenera età quando mai?
Basta non ammantare di significati politici l'intraprendere attività economiche. Basta non propinare come attività socio--cultural-politica quello che appare, al massimo, come un ennesimo inno alla rivoluzione etilica.




Posta un commento