sabato 5 aprile 2014

CARLO LA VIGNA


























E' stato presentato ieri pomeriggio il candidato a sindaco del Nuovo Centro Destra che scende in lizza solo soletto. L'ottavo pretendente alla poltrona più importante di Palazzo Comunale sarà il consigliere uscente Carlo La Vigna. 58 anni, salernitano, già ufficiale dei Carabinieri, attualmente avvocato, La Vigna ha avuto un percorso politico movimentato. Eletto nelle file del PDL traslocò per un brevissimo periodo in Futuro e Libertà di Gianfranco Fini per poi rientrare nel PDL. Dal quale è nuovamente uscito qualche mese fa per aderire alla nuova formazione d'impronta alfaniana. Alla presenza dell'ex presidente del Senato Renato Schifani e sotto la regia del capogruppo regionale Alberto Magnolfi si son rivisti nell'ampia sala dell'Art Hotel alcuni dei maggiorenti dell'ex PDL toscano. Da Roberto Tortoli, ex coordinatore regionale di Forza Italia, agli ex senatori Riccardo Migliori (AN e PDL) e Massimo Baldini (Forza Italia e PDL). Presente anche Gabriele Toccafondi, sottosegretario alla Pubblica Istruzione nel governo Renzi. Oltre, ovviamente, allo stato maggiore del NCD pratese: da Cristina Attucci a Antonio Rancati; dall'architetto Tommaso Caparrotti all'altro consigliere provinciale Giuseppe Conte. Da segnalare che alla lista del NCD collaborerà anche il gruppo "Idee per Prato" raccolto intorno a Simona Ciardi. Che sarà una dei principali candidati al Consiglio Comunale.  
L'inno nazionale ha preceduto la presentazione del candidato sindaco e del programma di NCD.  
Programma di notevole spessore e con idee in parte anche condivisibili specialmente riguardo al ruolo che NCD assegna a Prato nell'ambito della vasta area metropolitana che ne costituisce, anche secondo il nostro pensiero,  il naturale territorio di riferimento e di governance. Contro ogni deriva campanilista ed isolazionista. Purtuttavia NCD sostiene che in caso di ballottaggio andrà, probabilmente, in soccorso di Roberto Cenni. Ovvero dell'esatto contrario di quanto contenuto nel proprio programma elettorale. Che, se proprio vogliamo, è assai più vicino alle tesi di Matteo Biffoni che a quelle del sindaco uscente. Ma si sa, in politica, la coerenza è merce rara. Spesso sono le convenienze a prendere il posto delle convinzioni. Ad maiora!

LIBERTA' DI RICERCA SCIENTIFICA

Terzo Incontro del Congresso Mondiale per la libertà di ricerca scientifica

Presiede: Roberto Giachetti (Vice Presidente della Camera dei Deputati). Saluti istituzionali: Giorgio Napolitano (Presidente della Repubblica), Pietro Grasso (Presidente del Senato della Repubblica), Luciano D’Amico (Rettore dell’Università di Teramo), Giancarlo Galan (Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati). Introduzione: Charles Sabine (Ex-Corrispondente di guerra della BBC, affetto da morbo di Huntington), Emma Bonino (già Ministro degli Esteri). Presentazione del Primo Rapporto sullo stato della libertà di ricerca e di cura nel mondo: Andrea Boggio (Bryant University, USA). Presiede: Marco Cappato (Coordinatore del Congresso Mondiale). Intervengono: Krista Varantola (Finnish Advisory Board on Research Integrity, Council of Finnish Academies), Roberto Bertollini (Direttore dell'ufficio europeo dell’OMS), Maciej Nclecz (Director, Division of Basic & Engineering Sciences, UNESCO). Relazione tematica: Richard Stallman (Presidente, Free Software Foundation). Sessione pomeridiana: "Difendere la ricerca dalle minacce integraliste". Presiede: Giulio Cossu (Professore di medicine rigenerativa, Institute of Inflammation and Repair, Università di Manchester). Relazioni tematiche: David Nutt (già Consulente del Governo Britannico sulle droghe), Carla Rossi (Ordinario di Statistica Medica all'Università di Roma "Tor Vergata"), Ann Furedi (Direttrice del British Pregnancy Advisory Service sul tema dell’interruzione volontaria di gravidanza). Ne discutono: Filomena Gallo (Segretario, Associazione Luca Coscioni), María Eugenia Venegas (Membro dell'Assemblea Legislativa, Costa Rica), Ana Virginia Calzada (già Presidente, Sezione Costituzionale della Suprema Corte di Giustizia, Costa Rica). Saluto istituzionale: Emilia De Biase (Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica). Relazione tematica: Oliver Brustel (Professore di neurobiologia rigenerativa, University of Bonn Medical Center), Clara Sattler De Sousa e Brito (Patent Attorney, Visiting Fellow at the Information Society Project, Yale Law School). Presiede: Joep Geraedts (Professore di biologia genetica e cellulare, Università di Maastricht (Paesi Bassi). Luca Gianaroli (Italia), Siladitya Bhattacharya, Gran Bretagna), Alan Handyside ,Gran Bretagna), Karen Sermon, Belgio), Heidi Mertes, Belgio).

http://www.radioradicale.it/scheda/407472/terzo-incontro-del-congresso-mondiale-per-la-liberta-di-ricerca-scientifica

<object width="400" height="330" data="http://www.radioradicale.it/swf/fp/flowplayer-3.2.7.swf?30207f&config=http://www.radioradicale.it/scheda/embedcfg/407472" type="application/x-shockwave-flash"><param name="movie" value="http://www.radioradicale.it/swf/fp/flowplayer-3.2.7.swf?30207f&config=http://www.radioradicale.it/scheda/embedcfg/407472" /><param name="allowFullScreen" value="true" /><param name="allowscriptaccess" value="always" /></object>

venerdì 4 aprile 2014

ULTIMO CONSIGLIO


















N.B. Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

E' andato "in onda" ieri l'ultimo (o penultimo?) consiglio comunale prima dello scioglimento ufficiale (10 aprile). La seduta è stata "movimentata" da una quindicina di abitanti di Via Leopardi che con cartelli e volantini intendevano mostrare la loro opposizione alla delibera che prevede la costruzione di un edificio con 5 appartamenti da destinare a genitori separati ed ai loro figli nel bel mezzo dell'unico giardino pubblico di quella via di Cafaggio.
Purtroppo per loro quattro consiglieri mancanti dai banchi dell'opposizione (i due del PD: Gianni Bianchi e Maria Grazia Ciambellotti oltre a Luciano Gestri e Riccardo Bini) hanno consentito alla ristretta maggioranza di ieri (19 su 21 presenti) di approvare la delibera (19 a 16). Per la maggioranza erano assenti Federico Lorusso ed Emilio Paradiso.
Un punto a favore del sindaco Cenni che aveva fortissimamente voluto che la delibera fosse comunque messa all'ordine del giorno nonostante il voto contrario in commissione espresso dal consigliere del NCD Carlo La Vigna. Il quale, in consiglio, complice un suo emendamento fatto proprio dall'intera maggioranza, ha poi votato a favore della delibera.
Tuttavia, se solo l'opposizione c'avesse creduto e/o avesse voluto, la delibera sarebbe stata bocciata. In effetti l'assenza di almeno uno dei due consiglieri della maggioranza era del tutto politica. Ovvero si voleva determinare la messa in minoranza dei cenniani. Creando un fatale incidente di percorso all'ultima curva della vita consiliare. 

N.B. Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

NO NON PROFIT?

presentazione del libro di Giovanni Moro (Ed. Laterza)

http://www.radioradicale.it/scheda/407445/contro-il-non-profit


N.B. Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

EMILIANO BONINI: INDIPENDENTI PER FARE
























N.B. Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito! 

E' stato presentato ieri il settimo candidato sindaco per le prossime amministrative del 25 maggio. A sorpresa dal cilindro degli Indipendenti per Prato sbuca la prima "bicicletta". Insieme al simbolo dell'IPP infatti vi sarà pure quello di Fare per Fermare il Declino. Gianluca Banchelli (IPP) e Paolo Pratesi (FPFID) hanno svelato l'ultimo mistero: il loro candidato sindaco è Emiliano Bonini. Pratese purosangue, ingegnere edile, libero professionista, studio proprio dirimpetto l'ufficio del sindaco. Un personaggio semisconosciuto al mondo della politica pratese. Che è stato convinto a scendere in campo dall'assoluta sua identità di vedute con le idee degli Indipendenti e quelle di Fare! Giovane, foto e telegenico, per professione di mestiere e di valori uomo del "fare" Bonini ha illustrato, con una notevole sapienza da consumato leader politico, i punti programmatici della sua "salita in campo". Simpatico ed empatico Emiliano Bonini sarà l'efficace frontman dei tre consiglieri usciti dal PDL (Banchelli, Gestri ed Innaco) e dei fans pratesi di Oscar Giannino. Passa per un breve saluto anche la bella nipote pratese di Santo Versace, presidente nazionale di Fare per Fermare il Declino. Auguri di buon lavoro e di buon risultato.

N.B. Sulla home page del blog è possibile votare il proprio partito (o lista) preferito!