mercoledì 29 aprile 2015

I CAMALEONTI DELLA POLTRONA



L'ultimo a "scendere in campo" per le prossime elezioni regionali è stato ieri l'ex sindaco Roberto Cenni. Miseramente fallito il suo progetto di lista civica regionale Cenni si candida nelle liste del candidato governatore Giovanni Lamioni. Ovvero di quel commerciante grossetano che, nelle intenzioni di Denis Verdini, avrebbe dovuto riunire tutto il centrodestra toscano sotto le sue insegne. Viceversa Lamioni sarà solo il portabandiera di un pezzettino di centrodestra, quello rappresentato da UDC e NCD, più sedicenti liste civiche. Tutti riuniti sotto l'improbabile titolo di "Passione per la Toscana".
Qualche giorno fa era stato l'ex assessore Aldo Milone ad annunciare la sua presenza nelle liste della coalizione Fratelli d'Italia e Lega Nord sotto la candidatura a governatore del milanese Claudio Borghi. Con Milone pare sia in quella stessa lista anche l'altro ex assessore Gianni Cenni.
In dirittura d'arrivo è certamente la presenza come capolista del listino provinciale pratese di Forza Italia di un altro ex assessore cenniano: Giorgio Silli.
Tutti e quattro questi candidati presentano un comune denominatore: i loro nomi saranno in liste che da anni stanno dicendo di sì alla nuova pista dell'aeroporto di Peretola.
E tutti e 4 questi candidati avevano dato battaglia, da almeno 3 anni, contro quell'eventualità.
Certamente sosterranno che la loro contrarietà alla nuova pista rimarrà intatta. E che, anzi, ove eletti, ne faranno il tema principale della loro presenza in Consiglio regionale.  
Ovvero tenteranno di nuovo, e nel prossimo futuro, di prendere in giro il loro elettorato ed i cittadini pratesi tutti promettendo cose che, all'evidenza, non potranno mai mantenere. Non esiste infatti possibilità alcuna che i loro partiti di riferimento abbiano alcun ripensamento su Peretola. Oltre ad essere pochissime le probabilità che uno di loro possa essere eletto!
Cosicchè tutte queste candidature serviranno per portare un tot di voti di cittadini pratesi (contrari o meno alla nuova pista di Peretola...) nelle casse di partiti che fortemente hanno voluto e votato l'ampliamento dell'aeroporto fiorentino.
Finisce così la "grande" e "storica" battaglia di questi signori contro la nuova pista. Barattata per un briciolo di ulteriore visibilità personale alle elezioni regionali. Alla faccia di quanti a Prato li avevano sinceramente seguiti e supportati contro il "predominio" di Firenze e dei fiorentini!!    

domenica 26 aprile 2015

ILARIA BUGETTI E NICOLA CIOLINI (IN CERCA DI PREFERENZE)


Elezioni regionali. Si ritira, pare, il candidato dei Fratelli d'Italia. Che appoggeranno quello della Lega. Alleanza politica? Macchè! Il problema è che i leghisti nonostante la massiccia presenza in Toscana, anche del segretario Salvini, non sono riusciti a raggiungere il numero minimo di firme per presentarsi da soli. Nel frattempo si stanno compilando e chiudendo i listini provinciali.
Ad oggi solo il PD ha allestito il listino dei 6 candidati del collegio pratese per le regionali. E, sempre ad oggi, sono solo i candidati democrats ad essere scesi in campo per l'inizio della campagna elettorale. Tre di loro (Bugetti, Ciolini e Russo) hanno pure aperto i rispettivi comitati elettorali. E due (Bugetti e Ciolini) sono già avanti nella propaganda elettorale via web e via stampa.
L'impressione è che siano proprio Ilaria Bugetti e Nicola Ciolini i personaggi che si giocheranno, verosimilmente per una manciata di preferenze personali, l'ambito scranno fiorentino.
Aurora Castellani e Luisa Peris sembrano in ritardo. Lorenzo Marchi, ultimo arrivato, non pare impensierire nessuno. A Rudi Russo, consigliere uscente (ma eletto con IDV...)  il ruolo di  outsider.
La bagarre preferenziale, dunque, sarà tra l'ex sindaco di Cantagallo ed ex segretaria provinciale pratese e l'ex vicesindaco di Montemurlo. Tutti e due agguerritissimi. Se Ciolini può contare sull'appoggio (incondizionato?) della componente renziana, Bugetti parte con il vantaggio di essere assai più conosciuta. Nicola Ciolini sarà "pubblicizzato" dall'agenzia del re del web pratese Jonathan Targetti. Compito principale: far conoscere il nome "Ciolini" agli strati più profondi dell'elettorato. Il candidato renziano è di Montemurlo. Ed attualmente tiene casa e lavoro a Grosseto. Potrà contare, naturalmente, sulle simpatie dell'establishment politico cittadino. Ancorchè sia tutto da dimostrare il peso in preferenze della componente renziana pratese.
Assai più conosciuta appare Ilaria Bugetti. Pur avendo avuto la "sventura" di guidare il PD nei cinque anni d'opposizione alla Giunta Cenni l'ex sindaco di Cantagallo ha saputo, tuttavia, resistere consegnando a Gabriele Bosi il partito che ha portato alla vittoria Matteo Biffoni.
Potrà contare, presumibilmente, sulla sua approfondita conoscenza del partito pratese. Dei suoi circoli e dei suoi militanti. Ma il suo atout più importante è, senza dubbio, il sorriso che la bella signora sfoggia da tutti i suoi jingles.
E nella caccia alle preferenze personali tutti sanno quanto peso abbia una bella presenza femminile.
E' probabile che Bugetti possa volgere a suo vantaggio anche la possibilità del doppio voto di preferenza (uomo-donna). Nel senso che molti elettori di Ciolini potrebbero scrivere anche il suo nome. Improbabile che accada il contrario.  
E' dunque dal confronto Bugetti-Ciolini che uscirà il nome del prossimo consigliere regionale pratese del PD. Con l'inconfessata speranza che, alla fine, i nominativi premiati possano essere due!!