sabato 9 maggio 2015

I CAPPONI DI ROSSI


"Lascio poi pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe, a capo all'in giù, nella mano d'un uomo il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. Ora stendeva il braccio per collera, ora l'alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia, e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse, e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto s'ingegnavano a beccarsi l'una con l'altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura."

L'unica differenza è che invece di essere 4 come i capponi di Renzo i nostri capponi pratesi sono solo 3: Roberto Cenni, Giorgio Silli, Aldo Milone. Ovvero sindaco ed i due assessori di punta della passata giunta di centrodestra impegnati adesso a cercare di strapparsi l'un l'altro qualche voto di preferenza ai pochi elettori che sceglieranno di andare a votare e di votare a destra.
L'argomento principale della tenzone e delle "beccate" è noto: la nuova pista dell'aeroporto di Peretola. 
Ognuno di loro rimprovera pubblicamente all'altro di essersi candidato in liste guidate da movimenti o partiti che si son sempre dichiarati favorevoli alla nuova pista dell'aeroporto fiorentino. Anzi, di essere stati dei veri e propri ultras dell'ampliamento. Loro la pista 12/30 l'avrebbero voluta da subito, nel PIT della Regione, lunga 2.400 metri......
Hanno ragione tutti e tre. Ma, naturalmente, ciascuno è interessato a mostrare la pagliuzza che vede nell'occhio dell'altro. E non la trave nel proprio. Non sappiamo quanto questo atteggiamento possa risultare positivo in termini di voto. Tuttavia è estremamente chiaro che basando ognuno dei tre la propria campagna elettorale su questo argomento quasi monotematico c'è pure il rischio che il finale sia estremamente deludente per tutti i candidati di punta pratesi.
Non solo perchè l'elettorato di centrodestra potrebbe risultare infastidito da questa posizione che appare del tutto velleitaria. Pare ormai evidente, infatti, che la nuova pista si farà. Ma anche perchè larghi strati del tradizionale elettorato di centro e di destra cittadino non paiono vedere tutte le criticità che secondo Cenni, Milone e Silli si riverseranno su Prato. Anzi molti settori che contano (specialmente le grandi associazioni economiche e sociali...) paiono avere già scommesso sulle opportunità che la nuova pista di Peretola possono far ricadere anche su Prato.
Infine, last but not least, occorre rimarcare che per gli effetti della legge regionale toscana è assai difficile che uno dei tre possa davvero guadagnarsi uno scranno nel consiglio fiorentino. 
Cosicchè al danno si potrebbe aggiungere la beffa. Ovvero che anche con i voti decisivi di cittadini pratesi contrari all'ampliamento dell'aeroporto possa essere eletto consigliere un altro personaggio delle liste nelle quali i nostri tre campioni-capponi sono candidati. Magari un candidato fiorentino strafavorevole alla nuova pista di Peretola. Così la frittata sarebbe completa. Nel frattempo Rossi ed il centrosinistra ringraziano.           


mercoledì 6 maggio 2015

FANTASMI IN CENTRO


Pare che in Piazza del Comune a Prato s'aggiri un fantasma. Potrebbe trattarsi, dicono gli "esperti", di un generale spagnolo del cinquecento. Addirittura il vicerè di Napoli. Autore del "Sacco di Prato" del 1512.  Che non ne vuol sapere di abbandonare quel pezzo di città. Per vedere di individuarlo è arrivata anche una squadra di novelli ghostbusters. Armati, com'è d'uopo, di tutte le "diavolerie" elettroniche occorrenti alla bisogna. Ma, almeno per il momento, nessuna traccia di tale hidalgo è stata rinvenuta. Men che meno s'è sentito l'idioma castigliano rimbalzare tra Palazzo Pretorio e la statua di Francesco Datini. Tuttavia.... Tuttavia in Piazza del Comune un fantasma esiste davvero. Ed è facilmente rintracciabile....Si manifesta, preferibilmente, il giovedì pomeriggio, dalle 15 in avanti. 
Ebbene si! Avete indovinato. Si tratta del Consiglio Comunale di Prato. Del fantomatico consiglio comunale. Di seguito sono elencate le 23 delibere approvate dal massimo consesso cittadino da gennaio ad aprile 2015. Quattro mesi di riunioni per decidere il niente! 

Delibera del Consiglio Comunale n. 1 del 15.01.2015 266 KB
Oggetto: Istituzione definitiva del catasto dei boschi e dei pascoli percorsi dal fuoco nell'anno 2013.
Delibera del Consiglio Comunale n. 2 del 29.01.2015 272 KB
Oggetto: Fondazione Teatro Metastasio di Prato - variazione dello statuto.
Delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2015 269 KB
Oggetto: Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing.
Delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 29.01.2015 276 KB
Oggetto: IMPIANTO IDROVORO IN LOC.CASTELNUOVO. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE.
Delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 29.01.2015 289 KB
Oggetto: Commissioni consiliari permanenti - modifica.
Delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 05.02.2015 280 KB
Oggetto: Regolamento per la disciplina dello svolgimento della attività commerciale sulle aree pubbliche. Approvazione.
Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 20.02.2015 281 KB
Oggetto: Regolamento sugli indirizzi per la nomina e designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende, istituzioni e società partecipate.
Delibera del Consiglio Comunale n. 8 del 20.02.2015 268 KB
Oggetto: COMMISSIONE CONSILIARE PER LA FORMAZIONE DEGLI ELENCHI COMUNALI DEI GIUDICI POPOLARI EX ART. 13 DELLA LEGGE 10 APRILE 1951, N. 287. NOMINA.
Delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 12.03.2015 39 KB
Oggetto: INVASO DI BILANCINO, TRASFERIMENTO DELLA PROPRIETA' ALLA REGIONE TOSCANA. APPROVAZIONE.
Delibera del Consiglio Comunale n. 10 del 12.03.2015 52 KB
Oggetto: Associazione Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci - modifiche allo statuto.
Oggetto: VARIANTE al Piano di Lottizzazione di iniziativa pubblica "G. Ferrraris Sud" - "PdL C" e contestuale variante al Regolamento Urbanistico. - ADOZIONE
Oggetto: Approvazione modifiche alla Convenzione Costitutiva e allo Statuto della Società della Salute - Approvazione proroga convenzione per i servizi delegati alla USL4 Prato annualità 2015 - Approvazione quota di partecipazione al Consorzio SdS Area Pratese.
 Delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 26.03.2015 55 KB
Oggetto: Processo di razionalizzazione delle società partecipate ai sensi dell'art. 1 comma 611 della Legge 23 Dicembre 2014 n. 190 - Legge di Stabilità 2015 -
 Delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 26.03.2015 54 KB
Oggetto: Completamento della Cassa di espansione sul Torrente Iolo in località Ponte alla Dogaia. Sentenza del Tribunale superiore delle acque pubbliche per rideterminazione indennità di esproprio. Riconoscimento di legittimità del debito fuori bilancio.
Delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26.03.2015 56 KB
Oggetto: Pdr 296, adottato con DCC 41/2014, presentato con istanza P.G. n. 143646 del 22/11/2012 da Immobiliare Modesto Biagioli di Franca Biagioli & c. s.a.s., Biagioli Franca, Biagioli Paolo, Biagioli Riccardo, per cambio di destinazione da direzionale a commerciale di un immobile sito in Via Bonicoli n. 30. Approvazione definitiva del Piano Attuativo e della Variante al R.U. ai sensi dell'art. 19 della L.R. 65/2014.
Delibera del Consiglio Comunale n. 16 del 26.03.2015 56 KB
Oggetto: Piano Attuativo 315, presentato con istanza P.G. n. 76086 del 02/07/2013 depositato da EDILGEST S.R.L. per la realizzazione di una nuova attività alberghiera mediante cambio di destinazione d'uso da Tu a Tr in un immobile posto in via del Molinuzzo. Adozione del piano e contestale variante al R.U. ai sensi degli art. 107 e 32 della LR 65/14.
Delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 26.03.2015 56 KB
Oggetto: Pdr 265 denominato "Via dei Tini", adottato con DCC 20/2014, proposto da Bigagli Sauro per demolizione e successiva ricostruzione edificio per civile abitazione in via dei Tini 3. Controdeduzioni ed approvazione definitiva del Piano Attuativo e della Variante al R.U., ai sensi dell'art. 19 L.R. 65/14.
Delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 09.04.2015 65 KB
Oggetto: Costituzione Fondazione per le arti contemporanee in Toscana; Approvazione dello Statuto.
Delibera del Consiglio Comunale n. 19 del 09.04.2015 62 KB
Oggetto: Sig.ri Marinaj Lush e David - Strada Vicinale di Via Argine del Fosso - Variazione di tracciato e permuta
Delibera del Consiglio Comunale n. 19 del 09.04.2015 62 KB
Oggetto: Sig.ri Marinaj Lush e David - Strada Vicinale di Via Argine del Fosso - Variazione di tracciato e permuta
Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 16.04.2015 40 KB
Oggetto: Società O.D. s.r.l. - Istanza P.G. n.144.776 presentata in data 24 ottobre 2014 per proposta di permuta di area inserita nel demanio di questo Ente ed inutilizzata, per tale finalità, con porzione di terreno adiacente la pista di atletica, ubicata in Via San Martino per Galceti. Procedura di sdemanializzazione e alienazione.
Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 16.04.2015 53 KB
Oggetto: III° PEEP PIANO DI ZONA DI VERGAIO Signori Zappalorto / Noci - Istanza di retrocessione P.G. 168.619/2008 per atto di cessione del diritto con repertorio n.104.407/2008 - Inserimento del bene nel patrimonio disponibile.
Delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 16.04.2015 41 KB
Oggetto: Accordo di programma per l'avvio in anticipazione dell'intervento "Riqualificazione del Centro per l'Arte contemporanea Luigi Pecci" tra Regione Toscana, Comune di Prato, Comune di Pistoia e Fondazione Marino Marini:
Delibera del Consiglio Comunale n. 23 del 16.04.2015 39 KB
Oggetto: REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE - APPROVAZIONE MODIFICHE









domenica 3 maggio 2015

POLITICA REPELLENTE


La domanda che molti osservatori politici si pongono per la scadenza del 31 maggio, data delle elezioni regionali, è quanti cittadini si recheranno alla urne. Quasi tutti prevedono una bassa affluenza nelle cabine elettorali. Molti i motivi che potrebbero concorrere a far sì che questa previsione s'avveri. Innanzitutto la data. Il 31 maggio è molto avanti nel calendario. Le condizioni meteorologiche potrebbero benissimo favorire un esodo dalle città verso mare, monti e campagne. Il termometro di fine maggio, se l'andamento stagionale sarà normale, potrà essere già molto alto. Si preannuncia, inoltre, un appetibilissimo long week end. In coda a sabato e domenica c'è il martedì 2 giugno! Altro elemento che potrebbe invogliare i cittadini a preferire le file sulle strade verso il mare a quelle nei seggi. Un ruolo decisivo nella scarsa affluenza alle urne lo giocherà sicuramente anche lo scarso appeal di questo turno elettorale.
Siccome tutti prevedono la riconferma di Enrico Rossi non solo per manifesta superiorità ma anche per il pratico abbandono della tenzone da parte delle opposizioni di centrodestra (3 candidati in lizza...) sarà abbastanza probabile che l'elettore risulti assai poco interessato a dire la sua sulla scheda elettorale. L'unico appeal in controtendenza è che stavolta riappare sulla scheda la possibilità di esprimere preferenze personali. Chissà se questa opportunità riuscirà a recuperare qualche punto d'astensione.
Se l'abbandono dei seggi fosse confermato dai risultati, d'altra parte, non avremmo altro se non la conferma di quanto successo negli ultimi anni.
A partire proprio dalla ultime elezioni regionali del 2010. I dati sono tutti riferiti al solo Comune di Prato. Ebbene nel 2010 si recarono alle urne 84.901 cittadini. Pari al 61,43% degli aventi diritto. Con un calo del 9,20%  rispetto al 2005. Alle politiche del 2013 gli elettori furono 106.056 ovvero il 79,04% del corpo elettorale. Con un meno 4,59% rispetto alle precedenti elezioni del 2008.
Alle ultime elezioni comunali del 2014 i votanti furono 94.586, 69,35%. Il 6,04% in meno rispetto al 2009. Da considerare che nel 2010 e nel 2013 le elezioni si sono svolte in due giorni (domenica e lunedì). Il 31 maggio, così come per le comunali del 2014, si voterà solo la domenica dalle 7 alle 23.  
I dati, come vedete, sono tutti in discesa libera. A conferma della ormai consolidata repulsione in larghi strati della popolazione verso le elezioni e verso la politica. Questa politica!
Neppure l'irruzione sullo scenario nazionale e locale di una forza, il M5S, che facendo della critica al sistema tradizionale dei partiti una delle proprie connotazioni principali è riuscita ad invertire la tendenza.  Cosicchè è assai probabile che la sera del 31 maggio a Prato (ed in Toscana ed Italia..) si sarà recato alle urne non più del 50/55% degli aventi diritto. Rendendo ancora più largo il fossato tra i cittadini ed il sistema politico nel suo complesso.