giovedì 8 dicembre 2016

LA PISTA SBAGLIATA




Qualche settimana fa è stata inaugurata in pompa magna alla presenza di Sindaco ed autorità cittadine varie la pista d'atletica dei Ciliani.
Una visita al nuovo impianto di Via San Martino per Galceti angolo Via Tirso intitolato a Mauro Ferrari ci fa scoprire una bellissima struttura. Completa di tutto. Oltre alla tradizionale pista rossa per l'atletica c'è anche tutto quello che serve per le varie specialità sportive da stadio. In più è stato costruito anche un anello in asfalto per l'allenamento senza pericoli dei giovani ciclisti. Sotto la tribuna è stata ricavata inoltre un'utilissima minipista per il riscaldamento degli atleti. La tribuna è l'elemento che balza immediatamente agli occhi. Si tratta di una struttura veramente imponente, rispetto all'impianto, capace di contenere a sedere circa 1.500 spettatori. Non vorremmo che, per citare il mitico Fortebraccio, questa tribuna fosse inutilmente spaziosa. Non si sa davvero in quali occasioni, per quali meetings, potrà venire riempita.
Salendo gli ampi gradoni della struttura si ammira in tutta la sua estensione tutto l'impianto. Ma si nota anche un particolare davvero singolare e sgradevole.
Davanti alla tribuna non c'è traccia della linea d'arrivo, del traguardo delle gare. Eppure in tutti gli stadi d'atletica il finish è posto proprio al centro delle tribune. Qui non c'è n'è traccia. 
Dove sarà allora l'arrivo? Occorre voltarsi a destra, oltre la fine della tribuna, per vedere, ad una trentina di metri di distanza, il traguardo con la sua fettuccia, le sedie per i giudici, il fotofinish.
Dunque dalla comoda e spaziosa tribuna non sarà possibile seguire direttamente l'arrivo delle gare e non sarà concesso di distinguerne correttamente il vincitore (i vincitori). Un evidente errore di progettazione (o di esecuzione) che rischia di annullare tutta la bellezza e la funzionalità dell'impianto. Manca, infatti, il tratto di pista, al di fuori dei canonici 400 metri, dedicato alla partenza dei cento metri. Altro che ospitare gare olimpiche! Si rischiano megafiguracce anche ad organizzarvi riunioni d'atletica interprovinciali. E quel che è più brutto è che non sarà possibile, probabilmente, rimediare all'erroraccio.  
Peccato! 
Posta un commento