sabato 14 gennaio 2017

NEVE


"Mais tombe la neige, impassible manège" cantava Adamò negli anni sessanta! E la neve doveva cadere anche ieri a Prato. Almeno secondo tutte le previsioni meteorologiche. Anche la protezione civile del Comune aveva allertato la cittadinanza. Invece. Invece ieri mattina alle 6 facevano ben 13 gradi di temperatura e pioveva, pioveva, pioveva.
Della serie come fare a prevedere un evento quasi certo ma che non accade!
C'eravamo tutti preparati: le scarpe "grosse", i berretti di lana, i voluminosi giacconi.
Con fanciullesca felicità si sperava di veder fioccare la bianca manna celeste. Camminare ben coperti sotto la tormenta ci avrebbe fatto bene. E chi se ne fregava se dopo la neve si sarebbe trasformata in ghiaccio rendendo le strade pericolose piste di ghiaccio. Abbiamo le catene apposta. O le gomme da inverno per l'occasione. Sarebbe stato bello svegliarsi con la Calvana imbiancata (solo nel pomeriggio c'è stata una leggera infarinata...), guardare fuor di finestra e vedere che anche il nostro giardino e la nostra strada era ricoperta da un soffice, silenzioso e delicato candido manto. Invece no. Niente di tutto questo. Pioggia e solo pioggia. Solo pioggia e fango!!
Sarà per un'altra volta. Possibile che la neve arrivi, davvero, domenica prossima. Faremo tutto il tifo possibile perchè cada, copiosa, proprio durante Fiorentina-Juventus. Che spettacolo sarebbe vedere viola e bianconeri darsi battaglia su di un campo coperto dalla neve. Noi ci speriamo ardentemente!

Posta un commento