giovedì 2 febbraio 2017

MISS FALTONI E IL CONDONO FISCALE

Il Comune vara dunque il suo condono fiscale! Dopo aver tuonato, per anni ed anni, contro le varie forme di condono varate dai governi nazionali (Berlusconi) ecco che, con uno scatto d'ingegno, l'assessore al Bilancio Monia Faltoni decide che anche Prato non può fare a meno di utilizzare questo strumento.
Non avete pagato le tasse dovute nel periodo 2000-2016? Niente paura! La Faltoni ha pensato a voialtri. Lei chiama questa operazione "rottamazione delle cartelle", ce ne sono di inevase per ben 50.000.000 di euro. A tutti quelli che desidereranno saldare il loro debito nei confronti del Comune verrà praticato uno sconto del 23% sull'importo dovuto. E saranno azzerati anche gli interessi e le sanzioni. Un quarto circa dei 50 milioni pari a 11,4 milioni (senza contare gli interessi maturati..), finirà in cavalleria. Chi ha avuto ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato ha dato, scurdammuce 'o passato, siamo evasori paisà! Una pacchia per chi ha fatto il furbo per 15 anni. Una beffa per chi, viceversa, ha fatto il suo dovere di cittadino pagando puntualmente le tasse fino all'ultimo euro.
Con questo provvedimento, un condono fiscale in piena regola che si tenta di mascherare con la dizione di "rottamazione", anche il Comune di Prato si allinea con le peggiori politiche nazionali in tema di fiscalità generale. 
Ma non si rendono conto i nostri amministratori che così facendo si incentiva, invece di provare a diminuirla, la tentazione all'evasione fiscale totale o parziale?
E che si continua a far passare per poveri fessi i contribuenti fedeli premiando quelli infedeli?

   
  
Posta un commento