venerdì 31 marzo 2017

BISENZIO




Il tratto di Bisenzio che va da Santa Lucia al ponte Datini è stato recentemente curato. Pare sia stata l'Autorità di Bacino del Medio Valdarno ad occuparsi dei lavori. Che hanno restituito a questo pezzo di fiume un aspetto migliore e più sicuro. In particolare è stato eliminato il boschetto che si era sviluppato proprio nei pressi del ponte. Con alberi anche di notevole dimensione. E con pericolo in caso di piena. Non certamente per la nostra città. Ma, ad esempio, per Campi Bisenzio. Dove il fiume si restringe e gli accumuli di materiale possono causarne anche l'esondazione. La pulitura degli argini e dell'alveo è stata assai intensa. Sono stati estirpati tutti gli alberi ed i grossi cespugli che vi erano nati. Qualche ambientalista ha storto il naso. Sostenendo, forse non a torto, che per questa pulizia poteva essere scelto un altro periodo. Adesso, infatti, è tempo di nidificazione. Che, almeno sugli argini di quel tratto di fiume, è stata azzerata totalmente. 
Tuttavia, al di là di questo aspetto che non sappiamo come sia stato considerato, adesso il Bisenzio si presenta assai meglio.
Certo i cespugli sulle rive rinasceranno e cresceranno nuovamente. E ridaranno un aspetto un pochino più selvatico al fiume. Niente di male. Noi confidiamo che anche le tintorie che ancora si trovano a valle si mettano la mano sul cuore. Ed evitino di sversare in Bisenzio tutti quei loro variegati colori. Il Bisenzio ci piace di più con il suo naturale colore. Ed anche i pesci saranno più contenti.
Posta un commento