martedì 7 marzo 2017

GIOVANI


Ma un poco d'impegno! Anche piccolo così! Possibile che i giovani d'oggi non riescano a trovare una ragione che sia una per impegnarsi nella vita di tutti i giorni e quindi nella politica? Tutti afoni, tutti avulsi? Tutti refrattari a qualsiasi cosa che assomigli anche lontanamente alla politica? Solo sesso, droga e rock'nroll? Sembra proprio che sia così. Una generazione, non solo i millenials che sono ormai quasi maggiorenni, ma neanche la generazione del secolo scorso, che non pare trovare una propria modalità d'ingresso nella vita. Che non sia la caccia ad un lavoro purchessia. Che non sia l'happy hour e lo spritz o la cena nei localini alla moda. O i ragazzi e le ragazze.
Tutto tace nel mondo giovanile. E tutto è silenzioso nel mondo rutilante della scuola: quest'anno neppure i tradizionali "scioperi" autunnali! Niente di niente. Encefalogramma piatto?
Solo telefonini, sms, socials e cenette!
Questa, purtroppo, appare la situazione della gioventù d'oggi. 
Certo gli adulti hanno la loro grande responsabilità in questo stato di cose. Il loro esempio non è certo ammirevole. Ma da quando mondo è mondo i giovani degli esempi delle persone più grandi se ne sono sempre fregati. La carica dei loro giovanili testosteroni ha sempre avuto la meglio sulla pacatezza e la riflessione. Che senso ha allora essere oggi dei giovani/vecchi?
Che senso ha non sperimentare la vita anche attraverso gli errori insiti nell'essere giovani? La "meglio gioventù" s'è persa nel mare magno della vita? Pare proprio di sì! Si può sperare che la situazione migliori nel futuro? Pare proprio di no! Le nascite sono ormai ai minimi storici. Di questo passo è lo stesso concetto di gioventù che rischia di essere assente. Chissà per quanto tempo.
Posta un commento