domenica 9 aprile 2017

IL SOCIAL VESCOVO


E' comprensibile che anche il Vescovo di Prato, Franco Agostinelli, abbia deciso di aprire un proprio profilo su Facebook (Vescovo Franco).  Ormai il social è un'attrazione di massa che non può risparmiare nessuno. Neppure le alte gerarchie ecclesiastiche. Noi non sappiamo, ovviamente, gli intimi motivi che hanno spinto il nostro Pastore a scendere sul terreno, assai scivoloso peraltro, del passatempo-gioco inventato da Zuckerberg. Certo sarà stata la voglia di misurarsi con uno dei più coinvolgenti fenomeni internettiani di questi anni. Oppure la curiosità di provare a coinvolgere singoli utenti sui temi della religione e della Chiesa.
Non sappiamo se Agostinelli sia il primo vescovo italiano iscritto a Facebook. Certo non è il primo di una grande città. L'ha anticipato, ad esempio, il cardinal Betori, vescovo di Firenze. E, probabilmente, molti altri vescovi italiani. Ma a noi, che siamo certamente campanilisti, fa piacere sottolineare questa new entry nel mondo artificiale e virtuale di facebook.
E' un segno distintivo della Chiesa e dei suoi soldati occupare qualsiasi spazio si apra nella società. Troverete un prete sempre presente negli infiniti gangli della nostra organizzazione di massa. Ed è giusto che sia così. Devono o non devono i preti accudire il loro gregge? Ovunque si trovi! D'altra parte una delle caratteristiche più note dell'Agostinelli è l'estrema curiosità per tutto quello che si muove intorno a lui.
Quand'era vescovo a Grosseto non si peritò molto nel far visita, presso il loro circolo, alla comunità omosessuale grossetana. E dunque aprire un profilo facebook è, in fin dei conti, solo banale normalità.
Vedremo, in seguito, che uso intenderà farne concretamente di questa sua presenza. Per l'intanto conviene dare il nostro caloroso benvenuto al nostro Monsignore sociale!!  

Posta un commento