giovedì 11 maggio 2017

INTERPORTO

Foto: Notizie di Prato

"L'Interporto della Toscana Centrale protagonista alla Fiera di Monaco di Baviera". Certamente non si può affermare che Interporto Spa non goda, e abbia goduto, di buona stampa. In questo caso, addirittura, l'essere presente con un proprio stand significa diventare protagonista di una Fiera! Ma quando mai!! D'altra parte, è risaputo, Interporto si avvale di collaborazioni e consulenze. Spesso pescate tra i nomi dei giornalisti cittadini! Che, all'occorrenza, rendono il favore!!
Da qualsiasi parte lo si guardi Interporto è una scommessa persa per la città di Prato. 
Una struttura pensata e progettata quando l'economia cittadina era una locomotiva lanciata alla massima velocità. Ma realizzata quando il boom economico pratese era già abbondantemente finito, terminato!
Di fatto, adesso, Interporto (della Toscana Centrale...) significa soprattutto costruzione di capannoni e loro locazione. Nessuno degli obbiettivi che erano all'origine dell'impresa resta oggi in piedi. Non certamente quello di spostare il trasporto merci dalla gomma al ferro. La famosa, e mai realizzata, intermodalità!
Tuttavia sarebbe sbagliato sostenere che oggi Interporto non serve a niente! Serve. Certo che serve! Serve a cementificare ancora di più quel brano di campagna pratese (e tra poco anche campigiana..) tra la città ed il Bisenzio. Serve a realizzare ulteriori capannoni per le ditte di spedizioni che si servono unicamente di camions per i loro traffici. I treni ad Interporto significano oggi soltanto il luogo dove si parcheggiano i convogli Breda da ristrutturare. File di vagoni che hanno conosciuto tempi migliori ed in attesa di un qualche futuro operativo. Non molto per una struttura che doveva diventare un chiaro esempio di scambio delle modalità di trasporto! Oggi di chiaro c'è solo il fallimento di Interporto. Perchè ormai l'obbiettivo sociale è irraggiungibile! 


Posta un commento